martedì 24 luglio 2012

La vespa e il calabrone


Diceva Voltaire: “Non sono d’accordo con quanto dici, ma mi farei ammazzare piuttosto che impedirti che tu lo dica”.
Questa frase mi fu insegnata da mio padre, quand’ero bambino e, come tante altre perle di saggezza che mi elargiva, non l’ho mai dimenticata.
Anche il sito Come Don Chisciotte la riporta nel frontespizio con queste parole: “Disapprovo quello che dici, ma difenderò fino alla morte il tuo diritto a dirlo”.
E’ con questo spirito che mi accingo a dare la parola ad uno dei massimi oppositori viventi dei fratelli Marcianò, universalmente conosciuti nell’ambiente della complottologia per essere stati i pionieri dello studio di quel particolare fenomeno d’origine antropica che va sotto il nome di “scie chimiche”.
Sono conscio sia dell’importanza della questione, che della pericolosità dell’operazione che sto facendo, perché permettere a un “negazionista” delle scie chimiche di esprimersi su siti di controinformazione potrebbe far sospettare che io abbia qualche debolezza per la sua tesi e sicuramente significherebbe mettere un cerino acceso vicino a un bidone di benzina, ovvero cercare di conciliare l’inconciliabile.
Tuttavia, poiché preferisco privilegiare la persona e non l’etichetta che le è stata messa addosso, e siccome sono contrario al settarismo e alle religioni, anche quando sono in germe e i diretti interessati non ne hanno consapevolezza, accetterò le prese di posizione settarie e religiose, a cui la presente intervista dovesse dar luogo, come un male necessario, affinché ciascuno di noi si accorga che, prima che combattenti di qualche setta o religione, siamo esseri umani che vivono sullo stesso pianeta e sotto lo stesso cielo.



Lui si chiama Angelo Nigrelli, in rete Wasp, è un sessantottenne ex-linotipista ora tipografo ancora in attività anche se in 

pensione e abita nella stessa città dei fratelli Antonio e Rosario Marcianò, Sanremo (Imperia).

Partiamo alla lontana. E’ innegabile che con Licio Gelli e l’affare Gladio, gli italiani si siano accorti che oltre alla politica visibile c’è un potere nascosto che dirige i destini della collettività in maniera silenziosa e umbratile. Chi c’impedisce di pensare che lo stesso governo ombra non sia all’opera anche in questo preciso momento?

Nessuno. Ognuno è libero di pensare ciò che vuole; poi tanto dipende da come uno vede e vive la sua vita: c’è chi vede il bicchiere mezzo pieno e chi lo vede mezzo vuoto. Io sono per il “mezzo pieno”.

Di questo potere occulto si sa poco. Si sa quello che lo stesso potere occulto si degna si far sapere a noi comuni mortali. Tuttavia, proprio perché così riservato, attira l’interesse di molti, interesse sfruttato anche dal cinema e dalla letteratura con pubblicazioni dedicate. Tralascio i numerosissimi film che parlano di agenzie di intelligence e cito solo “I servizi segreti in Italia”, di Giuseppe De Lutiis, per non parlare di Leo Zagami, che si professa un ex massone e del blog, seguitissimo, di Paolo Franceschetti. Alla luce di tale situazione, si possono accusare i fratelli Marcianò d’immaginare complotti inesistenti?

Sì.

Ci sono complotti plausibili che prima o poi saltano fuori e vengono svelati e ci sono complotti immaginari che prolificano solo grazie all’opera di chi quei complotti li immagina e li sfrutta per tornaconto personale.
Mentre i complotti “veri” hanno anche uno scopo “vero”, i complotti inventati hanno solo lo scopo di vivere del complotto stesso sfruttando tutto ciò che gli può essere collegato dai libri ai blog alle conferenze alle comparsate televisive alla pubblicità personale.
Tipico esempio è quello che ci offrono i fratelli Marcianò: chi sarebbe oggi Rosario Marcianò se non si occupasse del complotto delle scie chimiche? Forse un geometra professionista alle prese con regolamenti e pratiche edilizie… o forse un grafico disegnatore tecnico di parti anatomiche…
Nessuno comprerebbe un suo libro sugli alieni e nessuno lo acclamerebbe sul web.
Nessuno lo chiamerebbe in televisione…
Nessuno gli direbbe “grande Ros”…
Vuoi mettere la soddisfazione?


Che ci sia una politica visibile che dice di volere il bene degli amministrati e, parallelamente, una politica 

invisibile che agisce in modo diametralmente opposto, è a mio avviso del tutto logico e comprensibile, altrimenti non si spiegherebbero lo sfacelo sociale e i disastri economici che ci scorrono davanti come in un film dell’orrore. E’ lecito far finta di niente e, nel contempo, dare addosso ai complottologi che ne parlano?


Intanto, che si faccia finta di niente è solo una tua opinione. Il fatto che si dia addosso ai “complottologi” non significa che si approvi “in toto” il comportamento dei politici; ognuno di noi cittadini agisce come pensa e come può e con i mezzi che può mettere in campo. Fosse anche solo il diritto di voto.
Il vero problema dei complottologi, a mio parere, è l’esagerazione di ogni questione.
Prendiamo ad esempio la mafia: tutti, bene o male, sappiamo che cos’è e non c’è bisogno di scendere in particolari… Ma se un complottista cominciasse a sostenere che la mafia vuole avvelenare con qualsivoglia mezzo tutta o quasi la popolazione non mafiosa… beh, come minimo sarebbe deriso e dovrebbe essere curato per paranoia!
Se invece sostituiamo la parola “mafia” con la parola “militari” (possibilmente americani) o con la sigla “NWO” allora diventa tutto vero e tutto plausibile!
Ma la logica dove sta?


La gente, per lo meno quella che si tiene informata, è venuta a sapere che già negli anni Cinquanta e Sessanta si facevano esperimenti per neutralizzare la grandine, far piovere o, viceversa, non far piovere. Se, com’è successo con l’atomo, dopo i primi successi di una certa invenzione si fanno avanti i militari, non si può ipotizzare che il controllo del clima negli ultimi cinquant’anni abbia fatto passi da gigante e sia stato secretato per motivi di sicurezza nazionale?


Io sono convinto di no. Ma non perché non credo ai complotti, bensì perché, a mio parere, è impossibile da parte dell’uomo il controllo del clima. Troppo gigantesche e sproporzionate le forze in campo; è assurdo pensare di fermare o deviare una perturbazione ciclonica facendo passare qualche aereo davanti al fronte temporalesco! Sarebbe come pretendere di fermare una mareggiata piazzando una cinquantina di ruspe sulla spiaggia…

Se sono gli stessi militari a dichiarare che il controllo del clima è un’ottima arma per combattere il nemico nelle guerre future, perché non gli si deve credere? E cosa c’impedisce d’immaginare che questo futuro sia già qui ora?

Sì, sin dai tempi di Omero si ipotizza il controllo del clima: il povero Ulisse ne sa qualcosa… ha dovuto impiegare 10 anni per andare da Troia ad Itaca a causa di questi cattivi militari che gli rovesciavano addosso tempeste di ogni genere…
A parte le battute… questo futuro di controllo climatico non c’è (altrimenti lo avrebbero già usato e tutti se ne sarebbero accorti) e non ci sarà mai per i motivi esposti al punto 4.


Stante il fatto che sia i paesi poveri, che soprattutto quelli ricchi, forniscono agli apparati militari enormi 

finanziamenti e considerato che gli scopi statutari dell’esercito sono quelli di sviluppare nuove armi da usare contro i nemici, perché non possiamo pensare che, qualora non si trovi un nemico ufficialmente disponibile, la stessa popolazione civile finisca per impersonare il ruolo di obiettivo militare?

E come no! Possiamo immaginare tutto quello che ci pare…
Siccome un macellaio non ha bestie da sopprimere, decide di sopprimere se stesso e anche la sua famiglia… Non fa una grinza!

Visto il modo violento in cui viene trattata la gente alle manifestazioni e nel chiuso degli uffici di polizia, sarebbe ingenuo pensare che le caserme e le scuole militari non siano fucine di odio e palestre di tecniche offensive da rivolgere a dissenzienti, oppositori e anticonformisti in genere. Per far accettare al grande pubblico la repressione nei loro confronti li si descrive come terroristi. Non è forse la propaganda lo strumento principe per condurre una guerra? E non è l’omertà la tecnica che si affianca alla propaganda quando si vogliono nascondere manovre che non sarebbero gradite alla popolazione?

Voi pensatela come volete. Io non mi sento in guerra con la polizia e sono certo che lo stato non è in guerra con me.
Poi che i politici facciano solo gli affari loro… è cosa che sappiamo tutti. Ma sappiamo anche che le magagne vengono (quasi) sempre alla luce del sole (prima o poi).


Con la domanda precedente voglio arrivare a chiederti: non è il silenzio assordante riguardo le scie chimiche un indizio del fatto che il potere occulto sta per scatenare qualcosa di veramente terribile ai nostri danni? Unendo insieme l’ostilità congenita dei militari, l’avidità irrefrenabile dei banchieri e le affermazioni d’illustri personaggi che auspicano la riduzione della popolazione mondiale, non sono le scie chimiche parte di un eventuale progetto mondialista di sterminio di gran parte dell’inutile umanità?


Chiarisco subito e in premessa il mio punto di vista: le scie chimiche non esistono!!! Sono una balla gigantesca che, oltretutto, gira e trova accoliti solo sul web ad opera dei soliti noti.
Assodato questo, cadono in sequenza tutti gli altri pezzi del domino.

Sempre in riferimento alla domanda precedente, la propaganda governativa, palese o subliminale, non può aver allestito squadre di collaboratori da infiltrare nel web e negli altri mass-media allo scopo di depistare quanti vogliano andare a fondo nella ricerca della verità?

Ma voi lo sapete che viviamo in Italia o pensate che stiamo nella Unione Sovietica di Stalin o nell’Iran attuale? Qui si cambiano i governi più spesso dei calzini… I militari alti in grado sono occupati a farsi gli avanzamenti di carriera possibilmente facendo il meno possibile e voi ipotizzate collaboratori da infiltrare? Ma dove, poi? I fedeli credenti alle scie chimiche sono qualche centinaio in tutto il paese e sono ben lungi dal creare problemi a chicchessia conti qualcosa!

Se tu dici di non essere pagato, puoi dire la stessa cosa di un Paolo Attivissimo, considerata l’enorme mole di lavoro che svolge?

Ho detto prima che non ci sono civili pagati per fare gli infiltrati; se poi ci sono dei poliziotti (penso alla Polizia Postale) che monitorano i siti complottisti penso non si possa escludere.
Io non conosco (mai visto) Paolo Attivissimo. So che fa di mestiere il giornalista e come tale sarà certamente pagato da chi si avvale dei suoi lavori, come tutti i lavoratori.

Puoi dire la stessa cosa di un sito come Straker Enemy, gestito se non sbaglio da un certo Torreggiani? Questi due signori non ricevono finanziamento alcuno?

Straker Enemy è un sito nato e cresciuto al solo scopo di commentare liberamente e da parte di chiunque senza censura e senza ban gli scritti pubblicati dai siti complottisti che, guarda caso, alla faccia della libertà d’espressione tanto invocata e pretesa, sono assolutamente chiusi a qualsiasi commento. Vedi ad esempio il disclaimer su tutti i blog che fanno capo ai Marcianò; vedi i blog di Corrado Penna, dove può commentare solo lui; vedi Massimo Mazzucco, che appena accenni un dubbio ti caccia a pedate: “qui l’entrata è libera, ma l’uscita è a pagamento”: con queste parole io sono stato bannato da Luogo Comune.
Straker Enemy non è gestito da Torreggiani ma da eSSSe e, ultimamente, con la collaborazione di Tigre della Malora. Sono certissimo che Straker Enemy non riceva alcun finanziamento: si fa per divertimento e come servizio civile utile alla comunità!

Se la risposta è affermativa, cioè se i siti debunkers vengono finanziati, accusare Marcianò di voler fare i soldi con le scie chimiche sarebbe come accusare Chiumiento di voler arricchirsi con l’ufologia e qui ci starebbe bene la parabola della pagliuzza e della trave.

La risposta non è affermativa, quindi la conclusione è errata.


Infine, ammesso e non concesso, come tu sostieni, che le scie nel cielo siano solo frutto di condensa, come si 

spiega che nonostante la crisi economica e l’aumento del prezzo dei carburanti centinaia di aerei militari siano impegnati giorno e notte a solcare i cieli? Si può sapere dove vanno e cosa fanno di tanto importante tutti questi aerei?


Trasportano passeggeri: gente come te e come me che va da qualche parte nel mondo.
Il fatto stesso che voi pensiate che tutti gli aerei che volano siano militari… mi fa cascare le braccia!
Piccolo esempio: l’aeroporto di Catania, che non è Parigi, ha movimentato nel corso del 2011 ben circa sei milioni di passeggeri: pensa quanti aerei ci sono voluti e aggiungi tutti gli altri aerei che l’Italia si limitano a sorvolarla… altro che aerei militari che quei pochi che abbiamo magari stanno più negli hangar che in volo!
Ho aperto un attimo Flightradar24 e, pur essendo le 2,25 di notte, risultano in volo sull’Europa ben 1375 aerei: militari? Secondo me, tutti civili!



Siccome vivo a due Km dall’aeroporto militare delle Frecce Tricolori e il movimento di aerei su Codroipo è enorme, di giorno e di notte, devo dissentire sull’ultima risposta di Wasp, ma posso capire che in altre parti d’Italia, lontano dagli aeroporti militari, la situazione sia diversa.
Anche se la questione delle scie chimiche è ben lungi dall’essere risolta, voglio ringraziare Angelo Nigrelli per la pacatezza delle sue risposte, sperando che complottologi e debunkers possano deporre le armi e arrivare a convivere pacificamente. Come dovrebbero fare ebrei e palestinesi.
Vespe e calabroni sono bellissimi imenotteri, ma è meglio in ogni caso non stuzzicarli.



64 commenti:

  1. dopo diversi anni di dubbi (gli stessi descritti nell'articolo) ed essendo grande appassionato di tutto ciò che vola,praticando parapendio dal 1993 e di conseguenza osservatore assiduo del cielo mi sono convinto recentemente che qualche entità sta irrorando i cieli di un qualche cosa...........meteorologicamente le velature e scie persistenti che sbiancano quasi costantemente il cielo non sono eventi naturali,fino a circa 15 anni fa non esistevano ed il cielo (quando sereno) era blu, quando era caldo si formavano i cumuli che salivano ad alta quota ora non +,mi fermo qua,ma avrei molto da dire sullo stato attuale e costantemente in peggioramento innaturale della meteo.
    michy

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Michy! Questa è una delle obiezioni che non ho rivolto al signor Angelo Nigrelli, il quale, avendo quasi settant'anni, dovrebbe sapere com'era il cielo nei decenni scorsi ed accorgersi di com'è ora.
      Lui afferma che si tratta di normale traffico aereo, ma siamo in tanti a sospettare che non sia possibile. Bisognerebbe avere accesso ai registri dei voli e vedere statisticamente se, nel corso degli anni, ci sono state flessioni, aumenti o diminuzioni di traffico.
      L'aumento del prezzo dei carburanti, secondo logica, dovrebbe aver inciso in qualche modo.
      Ciao

      Elimina
    2. Quando ero bambino abitavo in Sicilia; erano gli anni subito dopo la guerra: gli alleati avevano bombardato un po' dappertutto e tra la popolazione permaneva un vero e proprio terrore degli aerei... noi bambini ne eravamo ovviamente influenzati e appena sentivamo un rombo alzavamo gli occhi per vedere chi passava... erano aerei ad elica a bassa quota e la maggior parte avevano ben visibile la stella: aeronautica militare americana; correvamo a nasconderci...
      A un certo punto sono comparsi altri aerei: molto più alti e meno visibili se non fosse stato per la scia che si lasciavano dietro: aerei a "reazione", furono classificati. Negli anni seguenti, ci regolavamo per l'ora (non avevamo orologio!) con il passaggio degli aerei: passa il Palermo-Catania: sono le 17 circa!
      All'epoca, se vedevi due o tre aerei al giorno ti potevi reputare fortunato; oggi, il solo aeroporto di Catania movimenta circa 600.000 passeggeri al mese!!!
      L'ho chiesto e lo richiedo: quanti aerei ci vogliono per far volare (solo da Catania) 600.000 passeggeri in un mese?
      Quanti aerei io vedrei passare sulla mia testa se fossi ancora in centro della Sicilia a guardare il cielo?
      E' ovvio e naturale che il cielo non è più quello di quando io ero bambino! Ma neanche le strade del mio paese sono più le stesse: allora in tutto il paese c'erano sì e no 10 automobili e altrettanti camion; noi giocavamo tranquillamente a pallone per la strada e nessuno ha mai rischiato di essere investito; oggo, in quello stesso paese, ci sono 3.000 abitanti e 4.000 automezzi: l'aria (a livello carrozzina da bimbo) sarà ancora la stessa? Io penso di no!
      Dobbiamo attribuire a questo inquinamento da metalli pesanti tipo piombo e benzene e altro una volontà del nonsounaminchia di potere forte che vuole avvelenare la popolazione del paese? A sentire marcianò, sì; per me invece è solo una cosa:
      il "progresso"!!!

      Elimina
  2. GRANDE ROBERTO,e gran coraggio il tuo,sapendo in quanti ti salteranno addosso per aver dato parola ad uno come il sig.Nigrelli ( che diventerà il "diavolo"in persona per gli estrmisti della complottologia !!!) senza nulla togliere alla intervista,interesante e sai già che il mio punto di vista è molto vicino a quello di Nigrelli,meriti una riconoscenza alla tua volontà di mantenerti uomo ed essere te stesso al di là delle critiche,che come hai ben detto pioveranno su di te, accompagnate di grandine !!
    A wasp,ci sono in tanti come te, che con un puro interesse di scambiare idee o sapere di piu di certi argomenti,vengono cacciati a suon di censura quando diventi troppo "contrario"a la idea "comune"del sito.Questa ottusità è forse la peggior nemica di chi vuole in(dis)formare,perchè pretende di rompere un dogma creandone un'altro,seguendo gli stessi schemi del sistema,sei scomodo? ok,ti tolgo la possibilità di sprimerti,cadendo cosi nella dittatura e peggio ancora nella arroganza di avere la unica "verità"senza minimamente metersi in discusione con se stessi.A la faccia del "amore universale"per la verità,l'ho detto migliaia di volte,ven venga uno che la pensa in forma diametralmente opposta alla mia,mi darà la possibilità di vedere un'alternativa,di confrontarmi,di arricchirmi,questa è l'unica forma di crescere,di fare un salto di qualità,altrimenti,mi pietrifico,mi irrigidisco in tal modo che la minima brezza di verità quando mi sfiorerà mi spezzerà !!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Finché gli altri lettori non vengono insultati e non si dicono parolacce indecorose, tutti gli utenti sono benvenuti. Funziona così qui, ma anche su Stampa Libera e io già più volte ti ho chiesto di ritornare a commentare. Se vuoi una rappacificazione ufficiale con Lino Bottaro, basta che me lo dici: non mi ci vuole niente fargli una telefonata. Oltretutto, io non so nemmeno per quale motivo ti ha bannato, ma sicuramente il provvedimento non voleva essere irreversibile. Anche Massimo Mazzucco, su Luogo Comune, dopo un po' riammette gli utenti bannati.
      Quanto al Nigrelli, si è detto disponibile. Abbiamo voluto provare a fare un'intervista a distanza (come ho fatto con te) e ora vediamo cosa succede. Il vero banco di prova, comunque, sarà Stampa Libera. Fra poche ore pubblico questo articolo anche lì.

      Elimina
  3. Roberto,la questione SL,ti spiego in poche parole,viene da un lontano"confronto"con la forcheri ( chi mi ha adiritura insultato),c'era un tempo ( non so se ancora è cosi,ne come funziona)in cui gli autori potevano postare o meno i commenti,cosi i miei sono cominciati a "sparire"e non potevo postare nessuno negli articoli della nicoletta,un autore molto in gamba,mi disse che i miei commenti finivano regolarmente negli "spam"ovviamente perchè qualcuno lo aveva sgnalato come tale...con Bottaro,poco dopo,ci fu qualcosa di simile,lui si irrigidì per il confronto con la forcheri,e mi disse che nutriva dei "sospetti" ( o dubbi,non ricordo le esatte parole) nei miei confronti,dopo di questo sono stato censurato,ho provato a postare con altri mail,ma niente,era come se il mio pc fosse censurato ( premeto che non capisco come si possa fare ciò,non sono un intenditore,) fatto sta che cosi "martin"ha finito in SL.Certo come avevi visto ho commentato qualche volta con un nick,dal computer della biblioteca,ma ormai SL perse per me credibilità,benchè ci siano due o tre autori validissimi ( e che come te seguo nei loro blog o siti alternativi dove scrivono)...
    il mio non è risentimento ( come tu sospeti) ma delusione,mi ha deluso la incoerenza di permetere a personaggi come quel archimede che manca del rispeto alla gente a destra e manca,o altri che incitano alla violenza e altri ( non parlo di me) come un tale Francesco o anche uno che si firmava bunga for president vengono cacciati solo per la loro ironia e "contrasti" di pensiero con la admin.
    grazie per la tua buona volontà,e si ti saltano troppo adosso in SL commenterò.
    ciao

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non ho mai conosciuto di persona Nicoletta Forcheri, ma mi pare di capire che è un.....peperino!
      Lino Bottaro la tiene in grande stima e penso che sia meritata, tralasciando lo scherzetto che ha fatto a te.
      Anche se il mio conterraneo SDEI (Sergio Boschian) mi considera un eretico bisognoso di un esorcista, finora su Stampa Libera nessuno si è mai lamentato di me.
      Ma, c'è sempre una prima volta.

      Elimina
    2. Volevo commentare su SL,ma visto il clima,lascio perdere,sembra un ataco alla persona,ci sono un sacco di "commentatori"che stranamente sono venuti fuori proprio per la "occasione"e mi sembrano gli ultrà del complotismo....ma era ovvio che sarebbe sucesso ciò,tocando il tema centrale della complottologia come son le scie,e poi intervistando ad uno che le nega !!!! mi vedo gia al branco urlare "vade retro satana !!!!

      Elimina
  4. Se uno come Antonio Ingroia se ne va a lavorare in Guatemala questo vuol dire che in Italia TUTTI i governi non vogliono che si scoprano verità compromettenti per personaggi pubblici, politici e capi di stato nonché sul sodalizio stato-mafia da sempre negato. Il compito reale dei servizi segreti è di nascondere e depistare nell’interesse esclusivo e privato delle caste ed in particolare della casta dei politici.
    Conosco poco o niente le persone citate nonché l’intervistato e seguo abbastanza da lontano sia le tendenze complottistiche che quelle contrarie. Non saprei fare altro che essere d’accordo con te sulle scie chimiche e sui continui esperimenti militari che hanno l’unico interesse, alla pari dei servizi segreti, di “coprire” magagne e sperimentare tecnologie ed armi tecnologicamente avanzate per tenere sotto scacco i popoli.
    Qualsiasi governo, per continuare a rubare indisturbato, deve tenere sotto controllo il popolo senza farsene accorgere ed anzi cercando di diventarne amico.
    Per fare ciò non bastano la tv ed i telegiornali a dire fesserie ed a “diseducare” che già da soli sono più potenti di un esercito schierato in assetto di guerra! Ci vuole sempre la supervisione dei servizi segreti. Mentre ci si interroga sul vero e sul falso quelli continuano a rubare allegramente.
    Manca sempre la prova di questo o di quello e, quand’anche se trovi qualcuna (di prova), ci scappa subito il morto e si riparte dal via. Ciao.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. L'affermzaione dal mio punto di vista più sconcertante di Wasp è che lo Stato non è in guerra con i cittadini.
      Bisogna essere estremamente fiduciosi nel genere umano per credere che le istituzioni esistano per il nostro benessere. Soprattutto in questo periodo di tasse sfrenate ci si dovrebbe accorgere che ciò che lo Stato fa con la Guardia di Finanza è la stessa cosa che la Mafia e la Camorra fanno con il pizzo. In entramni i casi i lavoratori vengono vessati. Ma la gente ancora fa distinzione tra le due cose.

      Elimina
  5. Gianni,pensi veramente che i governi e i suoi dipendenti,abbiano veramente bisogno di "nascondere"qualcosa al popolo? questo ormai è in catalessia,il cervello dei più,non ragiona ormai oltre il calcio,la fi..a ( per non dire parolacce) e la macchina.Ho letto poco fa del immodiziario che è diventato il pacifico dove diversi paesi fanno esercizzi di guerra ed affondano navi,solo gli usa ne hanno affondato 100 nei ultimi 12 anni...i governi mandano gente alla guerra e spendono milliardi in queste oltre vite umane,e a nessuno ( o quasi) gli si muove un capello.Sulle strisce chimiche nessuno mi ha mai spiegato a cosa servirebbero esattamente,e tutti le migliaia di persone coinvolte,avranno pure loro famiglia,amici,e cosa farebbero? massacrarebbero pure loro oltre suicidarsi?...è evidente che i voli comerciali negli ultimi anni è cresciuto a dismisura,come lo dice wasp,ed è inoltre interessante notare come in paesi dove non ci sono praticamente aeroporti,e la gente si muove per terra ( come l'Argentina) non si vedono scie chimiche...poi l'effetto di queste scie,quando dovrebbe accadere? nel senso,e da 10 anni che una amica mi parla di questo "fenomeno"e ad oggi cosa è cambiato? si parla di rilascio di metalli pesante nella atmosfera,ma questo lo fanno gia i voli di linea regolari,lo fanno le fabbriche,le nostre macchine,inquinare la terra? beh,lo fanno gia le coltivazioni a grande scala con il largo uso di veleni,e fertilizzanti,inquinando anche le falde aquifere oltre la terra ed il cibo che mangiamo...quindi credo che serva a ben poco usare altri mezzi per "inquinarci"siamo gia abbastanza bravi di farcela da soli....
    ciao

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Alla tua obiezione si potrebbe rispondere dicendo che inquinare l'aria non è il primo scopo delle scie chimiche, giacché ci pensano già le macchine, le fabbriche e gli aerei civili.
      Questo è proprio l'aspetto più inquietante: quale oscuro progetto stanno implementando? Qual è lo scopo ultimo delle irrorazioni clandestine? Non lo sappiamo. O per lo meno io non lo so.

      Elimina
    2. Martin convengo sul fatto che siamo già tonti abbastanza e per rintronarci ulteriormente non serve alcuno sforzo dei servizi segreti.
      La "catalessia" è sintomo di incapacità di autoapprendimento. "L'educazione" che viene impartita (scuola famiglia religione etc.) è una vera e propria "programmazione" con relativi e costanti aggiornamenti (service pack) di software. Ne risultano bisogni indotti, desideri inculcati precostruiti in laboratorio, competizione e lavoro come scopo della vita. Una vera e propria religione nelle religioni. Il fatto che si parli tranquillamente di scie chimiche, inquinamento, controllo delle masse etc. non è dovuto alla libertà sociale ma al fatto che non diamo fastidio a nessuno. Per ora. Altrimenti ci avrebbero già fatto tacere da un pezzo. La tontità dei sudditi è una vera garanzia per i tiranni. Ciao.

      Elimina
    3. Gianni,tu l'hai detto,pensa ad Ustica,ancora oggi resta un mistero,e al di là della tragicità è un evento "trascurabile"nel ambiente internazionale,e noi dovremmo sapere ogni cosa delle scie chimiche !!! secondo te,i servizi italiani riescono nel intento di insabbiare Ustica e i servizi del mondo non ci la fanno ad ocultarci le scie??? sul controllo di massa ormai lasciano che si parle,perchè siamo gia controllati massivamente,persino della publicità della mulino bianco !!!! ormai non serve piu la coersione,c'è la fanno benissimo e noi glielo lasciamo fare,figurate se gli servono mezzi cosi raffinati,ti faccio solo un paio di esempi,in Argentina si cresce pensando che Colombo scopri l'America e che ci portò la cultura,la religione e si festeggia il 12 ottobre come il giorno della razza !!!! da piccoli guardavi la tv e crescevi pensando che gli cowboys fossero i buoni e gli indiani i cattivi !!!! ed era un dato di fatto !!!! durante la guerra de Malvinas ( Falkland) gli argentini erano convinti fino al ultimo giorno che stavamo vincendo la guerra !!!! il mass media erano controlati dal regime militare ovviamente,in somma,se ancora oggi la gente si beve la favoletta di Bin Laden,credi che sia necesario fare qualcosa di nascosto?....
      ciao

      Elimina
  6. grazie roberto.
    riguardo ai prezzi dei carburanti non so se sai che il carburante x aerei civili non è soggetto ad accise nel mondo........chissà xchè.......il prezzo dei carburanti in generale è drogato dalla finanza speculatrice,le compagnie petrolifere fanno contratti con i paesi su cui giacciono le riserve di petrolio,minimo a 2 anni.........fonte braccio dx di enrico mattei eni....
    x il discorso militare il prezzo non è un problema,come non dovrebbe esserlo su nulla del materiale fintanto si utilizza questo sistema di creazione del denaro dal nulla (chi può) forse la realtà è moooolto + semplice di quello che ci vogliono far credere.
    michy

    RispondiElimina
  7. ti porto a conoscenza (sono passati diversi mesi e quasi lo scordavo,sono dimenticone)di un fatto che mi è accaduto alcuni mesi fa.
    x caso ho conosciuto in zona vittorio veneto un pilota d'aereo ora civile (anni fa pilota di hercules c130 militare) di 747 di una nota compagnia asiatica, chiacchierando su questioni +o- tecniche (sono appassionato di ciò che vola)gli ho chiesto delle scie....dopo un attimo di stupore da parte dello stesso mi ha confermato che ha avuto notizia da un suo collega che ha effettuato detti voli ma non si può discuterne......
    quanto da me scritto sopra chiaramente non lo posso dimostrare,chi legge mi dovrà (se vuole)credere sulla parola.
    il miglior modo x capire se qualche cosa non va è osservare il + possibile il cielo x parecchi mesi,a me per farmi un'opinione ci sono voluti 2/3 anni,preciso che il pilota l'ho conosciuto ben dopo che mi sono formato l'opinione che stanno irrorando i cieli, ho solo colto l'occasione di vedere cosa mi rispondeva.
    michy

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Hai avuto la fortuna di porre una domanda a un pilota professionista, perché sei un appassionato di volo, ma noi comuni mortali difficilmente entriamo in contatto con addetti ai lavori.
      Sarebbe stato interessante sapere perché quello delle scie chimiche, per il tuo interlocutore, era un argomento tabù.
      Prima o poi qualcuno vuoterà il sacco.
      Ciao

      Elimina
    2. michy, quel tizio ti ha solo fatto contento... non ha voluto infierire.
      Ma son tutte così le vostre prove?
      Uno, conosciuto per caso, ti ha confermato che un suo collega... ma non si può discuterne!
      Ma che discorsi sono? E se ti avesse detto che un elefante ha partorito una giraffa saresti stato certo che il tizio fosse serio?
      Rob, io conosco personalmente un pilota di aerei civili che vola tutti i giorni e un pilota di piccoli aerei da turismo (base ad Albenga); poi, tra gli amici in rete, ho un tecnico di elicotteri e appassionato di volo a vela. Come vedi ce ne sono tanti dentro l'aeronautica... tutti regolarmente omertosi! (ironico)

      Elimina
    3. Io invece ho intervistato l'ufologo Paolo Pasqualini

      http://freeanimals-freeanimals.blogspot.it/2012/02/intervista-con-lalieno.html

      che mi aveva fatto una confidenza trapelata da un suo amico carabiniere in pensione, che era stato in servizio nella base di Aviano.
      Dopo aver letto il mio articolo mi ha telefonato e, tra le lacrime, mi ha chiesto di tagliare la parte riguardante il carabiniere, cosa che ho fatto, dicendomi che sbadatamente aveva messo in pericolo di vita alcune persone.
      Anzi, voleva che eliminassi l'intero articolo.
      E' il signor Pasqualini esageratamente ansioso, o c'è veramente omertà tra i piloti e pericolo per le "gole profonde"?
      Quello dell'aeronautica è un mondo a parte, misterioso ed elitario. Forse Pasqualini, con cui sono rimasto in buoni rapporti, mi farà conoscere qualche appassionato del settore. Vediamo se si lasceranno intervistare.

      Elimina
  8. probabilmente tiene famiglia o alla propria carriera................come tante persone che esercitano varie professioni..............
    purtroppo.
    michy

    RispondiElimina
  9. wasp tu 6 fortunato.......hai la tua verità in tasca..
    io la mia......
    qual'è quella vera???
    leggendo i tuoi post anche su stampalibera 6 assolutamente convinto in da professare ad altri indiscutibilmente il tuo credo..........
    io non voglio convincere nessuno,riporto la mia storia e invito chi legge a non credere a nessuno,ma sudare e far sudare il cervello leggendo a non finire ed osservare in tutti i campi del possibile.
    beato te che hai la certezza assoluta........
    michy

    RispondiElimina
  10. Articolo informativamente abbastanza inutile, ma molto interessante come esperimento sociale (basta vedere il clima da guerra civile su SL e si capisce perche)... ;)

    Che le scie chimiche siano un esperimento militare, non lo metto molto in dubbio; gli esperiemnti contro le popolazioni sono documentate anche ufficilamente: come infettare la popolazione del Guatemala con agenti infetti (virus), con adirittura scuse recenti dell'amministrazione USA(70 anni dopo!), quando la responsabilita' non e' piu' diretta (cosi' possono dire: "non facciamo piu' queste cose")... poi ce n'e' un altro che rigurda i cittadini londinesi (anche qui, mi sembra che siano anni '50 o 60), vittime di un esperimento, per reperire dati sulle capacita immunitarie... vado a memoria, non so adesso di preciso, sono notizie conclamamate dall'ufficialita' .

    Che cosa si vuole ottenere, attraverso le scie chimiche, con un tale dispendio di mezzi e', invece, una questione molto confusa... e non c'e' dubbio che ci siano molte operazioni disonformative a riguardo... anche dal punto di vista complottologo.

    Manipolazione climatica?
    Inquinamento atmosferico?
    Inquinamento elettro-magnetico?
    Depopolamento?
    Altro?

    Manipolazione climatica: forse... ma lo ritengo piu' un controllo climatico (forse un accumulo o rilascio di energia atmosferica), che possibilita' di provocare fenomeni meteorologici estremi. Insomma, il cambimento del clima e' piu' una conseguenza, che una volonta' precisa da perseguire e stanno camuffando tutto con il famigerato Global Warming

    Inquinamento atmosferico: non serve... se ci vogliono avvelenare, avrebbero escogitato metodi meno complicati e costosi; come, per esempio, fluorizzare l'acqua, OGM, alimenti chimicamente lavorati, inquinamento elettro-magnetico ecv

    Inquinamento elettro-magnetico: forse si tratta di trasformare l'atmosfera in un super-conduttore elettro-magnetico per la funzionalita' di qualche arma non convenzionale... HAARP?

    Depopolamento: non credo che le scie chimiche siano usate per eliminarci. In Africa stanno ammazzando la popolazione con mezzi piu' economici e semplici: guerre e malattie.
    Possibile invece che sia una procedura di cambiamento strutturale ambientale, tecnologico, genetico,psichico... e andiamo ad "altro".

    Altro: nel transumanesimo si considera necessario "trasportare" l'umano verso una nuova versione dell'essere. Per non dilungarmi, si puo' riassumere il concetto come la singolarita' uomo-macchina, attravesro una ibdidazione genetica artificiale. Gli agenti chimici irorati nell'atmosfera, consetirebbero una predisposizione chimica ed elettro-magnetica per sfruttare e manipolare il genoma umano al meglio...

    Siccome sono un complottologo hard-core, cerco di capire le basi storiche, filosofiche, esoteriche, tecno-scientifiche di tale "progetto"... e unendo i punti tutto diventava piu' chiaro: il gene umano e' stato da sempre molto appetibile da una "gerarchia superiore", che si trasmuta nel potere terreno e terrestre... tutti gli apparati del potere sono di conseguenza abilitati al controllo dell'essere umano.
    Se poi qualcuno considera i governi come protettori dei cittadini... beh, beati loro.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie per il tuo bellissimo commento. Credo che tu abbia centrato il punto della questione: siccome non possiamo venire a capo del mistero delle scie chimiche, perché non si può chiedere all'oste se il vino è buono, né a un debunker se le scie chimiche esistono, tanto valeva puntare a un'intervista che desse luogo a quell'esperimento sociologico di cui parli.
      In effetti, il dibattito su Stampa Libera è decisamente acceso.
      Ciao

      Elimina
  11. Maksimiljan,pensi che per attuare sul genoma umano siano necesarie le scie chimiche?basterebbe manipolare qualche medicina di largo consumo e sarebbe mille volte piu facile,economico ed eficace ( ed invisibile!),io ripeto, in Argentina o Bolivia non si vedo scie chimiche,perchè?
    una altra domanda che nessuno mi ha risposto,quanti migliaia di persona sarebbero coinvolte e come farebbero a controlarne il silenzio?
    le armi piu incredibile restano ancora una teoria.visto che con tutte le guerre in corso,la nato continua a perdere uomini e mezzi,anche contro dei guerriglieri medievali,non ci vengono fuori rovinandosi non solo la economia ma anche la reputazione,figuriamoci se non avrebbero usato per esempio il famoso haarp !!! con l'Iran sono in tira e molla,perchè non usano contro Teheran una tecnologia cosi avanzata,invece di limitarsi alla guerra virtuale con tanto di virus informatici e la eliminazione di cientifici iraniani al vechio stile?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. cit:
      "Maksimiljan,pensi che per attuare sul genoma umano siano necesarie le scie chimiche?"

      Non ho detto questo. Ho esposto una possibilita' che le scie chimiche siano necessarie per sviluppare e implementare una tecnologia (militare) a noi non reperibile... poi ho fatto un'ipotesi sugli usi di tale tecnologia.

      cit:
      "una altra domanda che nessuno mi ha risposto,quanti migliaia di persona sarebbero coinvolte e come farebbero a controlarne il silenzio?"

      Perche' e' una domanda trabochhetto. Che esistano migliaia di complici e' una vostra sepculazione... io non ho affermato cio'. Non so quanti complici ci siano, ma se e' gestito dagli ambienti militari, vuol dire che sono adestrati proprio per non chiedere. Come fanno a convincere persone comuni a bombardare villaggi con donne e bambini? Si chiama addestramento o anche lavaggio del cervello. Pensi che il pilota dell'Enola Gay si e' posto delle domande quanda andava a sganciare la bomba atomica su Hiroshima? Gli dicono quel che basta e loro eseguono.
      Poi ci sono i vertici, che sanno sicuramente di piu', ma certamente non tutto... dipende dal loro ruolo nel programma: alucuni sanno quello, taluni questo... tutto gestito da una struttura piramidale chiamata esercito.
      Poi ci sono quelli che si domandano su certe anomalie e iniziano a indagare da dentro l'ambiente... ed e' l'esempio riportato da Roberto.

      cit:
      "le armi piu incredibile restano ancora una teoria."

      Certo che e' una teoria, ma non meno credibile di qualunque altra.
      Perche' non usano apertamente tali tecnologie? Prima di tutto perche' si sbugiarderebbero da soli e poi se vuoi conquistare un Paese lo devi occupare militarmente e distruggere la sua struttura militare precedente... e HAARP ha altre caratteristiche che quelle di conquistare Paesi.
      Certo, la potrebebro usare come minaccia... come mi sembra abbia dichiarato un suicida ministro delle finanze giapponese.

      cit:
      "con l'Iran sono in tira e molla,perchè non usano contro Teheran una tecnologia cosi avanzata,invece di limitarsi alla guerra virtuale con tanto di virus informatici e la eliminazione di cientifici iraniani al vechio stile?"

      Forse perche' non vogliono che l'Iran implementi una tecnologia segreta di derivazione russsa... ;-) L'Iran e', per adesso, off-limits per le sue alleanze, non perche' non possono conquistarlo. Non ci sono solo gli americani, eh, ricordiamocelo...

      Elimina
    2. Martin, non tutti prendono medicine, ma l'aria la respiriamo tutti.
      Prima di scatenare una guerra palese, devono fare un lavoro preparatorio, condizionando tramite i media l'opinione pubblica.
      Delle morti dei loro soldati e della reputazione dell'America non si curano né punto né poco.
      Anzi, più gente muore, nemici o amici, e più godono.

      Elimina
    3. Maksimiljan,per favore non iniziare con i "voi" ed i "noi",io parlo per me,sono una persona che pensa e riflete con la sua testa,per questo non apartengo a nessun gruppo,anzi i gruppi mi urtano,perchè crea la legge del branco e rende idiote le persone...
      Dico che i "complici"per forza devono essere migliaia visto le migliaia di voli che irrorano "scie"devono partire da un aeroporto,che anche se militare,ci devono essere controlori,chi equipaggia gli aerei,chi fabrica le sostanze,chi le trasporta,chi le sistema ecc. se non sono coinvolte migliaia di persone,non vedo come possano fare il tutto.
      sul discorso del silenzio,dalla mia esperienza in Argentina,durante la dittatura,benchè il lavaggio del cervello da parte dei militari fosse cosi forte,in tanti la verità la dicevano,se non ad alta voce,quanto meno ai loro famigliari ed amici piu stretti,fu cosi che abbiamo saputto della sorte di un zio "desaparecido"...di gole profonde c'è ne sono anche nel esercito yankee,il piu noto è il caso di Manning,ma ci sono altri,la coscenza non sempre si può oscurare.
      sul Iran visto l'appoggio che questo ha della Russia e Cina,farebbe proprio il caso di usare l'haarp per inviarle qualche terremoto o no? non ci sarebbe una pistola fumante,e tutto sembrerebbe cosi "naturale"....
      sul sbugiardarsi da soli,pensi che gli statounitensi corrano al riparo di ciò? guarda un po dalla loro storia degli omicidi di M.L.King,ai Kennedy,alla loro politica estera ( appoggio a Hussein,Bin Laden,ecc.poi la loro eliminazione) dai disastri ecologici in Vietnam e Laos alla figuraccia di Cuba...in fine,non gli vedo cosi raffinati ne scrupolosi nel loro attuare.
      Io personalmente ho forti dubbi della esistenza di scie chimiche,e sono della idea che ormai l'uomo è diventato talmente manipolabile,ce possono fare qualsiasi cosa il "potere"voglia,non ci sarà rivoluzione,basta guardarsi atorno ( non so in Slovenia) ma qui in Italia se vogliono andare in guerra,vanno,se vogliono strangolarti con le tasse lo fanno, la casta politica puo fare ciò che vuole,il popolino di piu che qualche sfogo in internet,non ne fa,anzi dopo lo sfogo nei blog corre a pagare il canone rai.

      Elimina
    4. cit:
      "Maksimiljan,per favore non iniziare con i "voi" ed i "noi",io parlo per me,..."

      D'accordo...

      cit:
      "Dico che i "complici"per forza devono essere migliaia visto le migliaia di voli che irrorano "scie"devono"

      Anche costruire bombe ha un suo processo che dipende da migliaia di "complici". Non chiedono a chi sono destiante queste bombe e nemmeno se ne occupano, anche se lo sanno che uccidono. Per loro e' una normale rutine lavorativa. Se qualcuno espone dei dubbi, lo trasferiscono da un'altra parte e lo rimpiazzano con qualcun'altro.

      La storia dei complici non regge, perche' in un sistema piramidale e per di piu' chiuso, come quello militare, i sottointendeti non hanno la minima idea di cosa si celi dietro ad un determinato compito.
      Si puo' fare l'esempio anche fuori dall'ambito militare. Per esempio, in banca, un impiegato normale non sa cosa si celi dietro tutto il sistema finanziario... eppure sono "complici", controllori ed esecutori del potere bancario.
      Parcelizzano e specializzano un compito preciso, dove nessun cd complice e' in grado di comprendere tutto il programma completo.

      Qualche volta vengono fuori dei "pentiti", ma vengono messi a tacere in qualche modo, perche' ovviamente si adoperano anche per i rari casi dove qualche cane sciolto scappi. Normale procedura di sicurezza.

      cit:
      "di gole profonde c'è ne sono anche nel esercito yankee,il piu noto è il caso di Manning,ma ci sono altri,la coscenza non sempre si può oscurare."

      Certo che esistono... anche in Italia c'e' un certo generale Mini, che forse potrebbe essere adirittura un depistaggio ordito proprio dai militari... ma intanto parla di "guerra del clima". Anche l'esempio di Roberto e' esplicito. Purtoppo, se vuoi una diffusione piu' estesa devi avere il supporto della stampa e media (inter)nazionali, i quali si adoperano piu' come arma propagandistica e manipolativa che altro.

      Il rapporto Manning era utile all'esercito stesso, perche' poteva iniziare un'epurazione di uomini e riformare la struttura portante dell'esercito USA post-Vietnam... il quale (esercito) diventera' professionale.

      Il tuo esempio dell'Argentina regge solo in parte, secondo me. La' gli uomini sparivano e potevi constatare questo anche in maniera statistica; cioe' si vedeva che qualcuno li faceva sparire e c'erano sicuramente anche dei testimoni di questo.
      Con le scie chimiche e' diverso. Qui non puoi constatatre nessun effetto evidente. Nessun complice potrebbe dire: "Ho visto quello che capitava..." perche' l'effetto delle irorazioni non e' tangibile, ma e' sopratutto una indagine di ricerca e studio. E questo, come gia' detto, nessun adetto ai lavori ha in possesso... almeno se non inizia in maniera indipendente.

      Elimina
    5. cit:
      "sul Iran visto l'appoggio che questo ha della Russia e Cina,farebbe proprio il caso di usare l'haarp per inviarle qualche terremoto o no?"

      L'hanno avuto 6 anni fa, con 25 mila morti, mi sembra... ma non e' questo il punto.
      L'Iran deve essere smantellato e conquistato. Casomai, la guerra climatica si potrebbe avere tra Russia e USA... ed infatti ci sono gia' molti eventi climatici estremi: caldo torrido in USA e piogge torrenziali in Russia.
      Come gia' detto, per me l'HAARP non e' un'arma di conquista, ma di controllo. Forse maneggia parecchia energia, che puo' sprigionare per potenziare un determinato fenomeno "naturale"... non crea terremoti e nubifragi, ma gli espande e estremizza.
      Insomma, per me l'HAARP e' un dispositivo di controllo elettro-magnetico... e questo influsice anche sul nostro stato psico-fisico. E' un'opera di igegneria genetica, ancora piu' che climatica.

      cit:
      "Io personalmente ho forti dubbi della esistenza di scie chimiche,e sono della idea che ormai l'uomo è diventato talmente manipolabile,ce possono fare qualsiasi cosa il "potere"voglia,"

      E' interessante questa dichiarazione da parte tua. Pensi all'onnipotenza del potere e poi smentisci le possibile aplicazioni delle scie chimich, fatte proprio dal potere stesso.
      Cosa sono le scie chimiche non saprei nemmeno io, ma intanto proprio perche' comprendo la natura del potere, sono dell'idea che sia qualcosa che adoperano contro di noi.
      Che ci sia molta disinformazione e manipolazione sull'argomento, sono d'accordo... ma non bisogna, per questo, abbassare la guardia. Meglio denunciare adesso, con la possibilita' di avere torto, che fergarsene e poi ritrovarci col culo marchiato.

      Intanto sarebbe, se proprio non vogliamo credere alla scie chimcihe, gia' bella cosa denunciare l'inquinamento atmosferico fatto dal traffico aereo che oscura il cielo da una nube biancastra. E chissa' perche' tutte le organizzazioni ambientaliste non menzionano nulla di cio' (proprio quelle che si battono contro il Global Warming)... eppure, l'inquinamnento, anche convenzionale, c'e'. Hanno timore di qualcosa?

      Elimina
    6. maksimiljan,forse non ci capiamo negli esempi.Allora quando dico che il potere o meglio chi ne muove i fili,può fare qualsiasi cosa,non mi riferisco a qualcosa di "nascosto"perchè oramai la società accetta tutto,l'uomo si ha lasciato plagiare e i costi son questi,schiavitù.
      Su chi ci dovrebbe lavorare,è possibile come dici,che ci sia un sistema piramidale,ma pure la "base"saprebbe cosa fa,non credo che degli ingenieri manipolino delle robe "sconosciute"senza saperlo,chi fa le bombe,sa cosa fa,sa cosa sono e sa come verrano usate,che sia alucinante che qualcuno ci lavori a ciò,non c'è dubbio,ma le bombe a diferenza delle scie,sono identificabili,e quindi nessuno si chiede cosa è,lo fa e basta.Ed è allora che mi chiedo tutte questi avranno una familia,genitori,se non figli,gente insomma che vogliono bene,e che non vorrebbero vedere spruzzate di chi sa cosa.
      Se a livello armi ci sono sviluppi del genere,a cosa serve continuare nelle ricerche di nuovi super-droni,o fucili sempre piu micidiali,la ricerca si centrerebbe solo sul dominio climatico per superare al nemico,ma anche qui c'è qualcosa che non quadra,io posso rovinare il clima della Russia,ma non senza consequenze negli u.s.a, e questo penso che i "scienziati"terranno in considerazione...
      tu dici di essere convinto che ci sia qualcosa che usino contro di noi,io ti faccio l'esempio del operaio di fabbrica,penso come esempio del lavoro piu schiavizzante che ci sia,uno che prende 1000 euro al mese,per schiaciare un bottone 8 ore al giorno,tutta una vita!!! e pure sciopera perchè quel lavoro non gli venga tolto !!!! come si è creata questa realtà? vedi perchè dico che non servono scie,ne strani marchingeni per manipolare la società,il lavoretto lo hanno gia fatto,creando esseri condizionati del avere il lavoro sicuro,la famiglia,per portarla al mare a ferragosto,il mutuo da pagare eternamente...tipo Fantozzi,questo si che l'aveva già capito....
      P.S: il terremoto del Iran,anche se causo migliaia di morti,fu in una zona desertica e non disestabilizò il regime,non credo sia stato causato d'altro che non sia la stessa natura,tanti pensano che anche il terremoto del Giapone sia stato provocato deliveratamente,senza ricordare che questo è il principale aleato usa in Asia,quindi sarebbe un autogol.

      Elimina
    7. cit:
      "oramai la società accetta tutto"

      Non accetta tutto. La societa' e' condizionata dall'apparato propagandistico che distorce la realta' per meglio adattarla ad una condizione prescelta.
      Un esempio banale: la Coca Cola... non e' diventata la bevanda piu' popolare perche' piu' buona e salutare, ma tutto l'immaginario, che c'e' dietro, induce l'individuo a considerarla qualcosa che appartiene alla sua condizione naturale; e' marketing, propaganda e nemmeno di altissimo livello. Ad un certo punto ogni nostro pensiero e' condizionato: pensiamo di fare qualcosa di buono, ma invece e' contro noi stessi e gli altri.
      Accettiamo qualcosa perche' ci pare la cosa giusta, ma e' la propaganda che ci fa credere che sia giusta.
      Scoprendo la metodologia e tecnica della propaganda ci aiuta a capire il vero volto della realta', che ci circonda. Se la maggioranza capisse e vedesse questo, non accetterebbe piu' questa situazione. Proprio come io e te...

      cit:
      "Su chi ci dovrebbe lavorare,è possibile come dici,che ci sia un sistema piramidale,ma pure la "base"saprebbe cosa fa,non credo che degli ingenieri manipolino delle robe "sconosciute"senza saperlo"

      Non e' che non sappia cosa fa, ma diventa solo un lavoro come un altro. Probabilmente per loro si tratta solo di sperimentazione normale, come per quelli che sedavano e immobilizzavano bambini nel progetto MK-Ultra. Sono ricecatori, adeguatamente scleti e preparati per tali compiti. Poi possono capitare persone con dei rimorsi, che cercano di diffondere qualcosa all'esterno... ma poi arrivano minacce e ricatti, dove molti, proprio perche' hanno famiglia, rinunciano. (esempio: prova a conoscere il caso del magistrato Paolo Ferraro, dove proprio dall'interno dell'ambiente capisce quali macchinazione giuridiche coprono certi affari massonico-militari... l'ha capito dopo decenni ed era uno con la coscienza a posto... immagina qualcuno con la coscienza sbiadita... infafti subito dopo sono partite minacce e ricatti).

      La questione dei complici e' affrontata troppo superficialmente, come se si trattasse di gruppi boy-scout. Non e' questo l'argomento che possa sgamare definitivamene la questione scie chimiche.

      Elimina
    8. cit:
      "Se a livello armi ci sono sviluppi del genere,a cosa serve continuare nelle ricerche di nuovi super-droni,o fucili sempre piu micidiali,la ricerca si centrerebbe solo sul dominio climatico per superare al nemico"

      L'ho gia' detto e lo ripeto: queste armi non sono per conquistare alcunche, ma "solo" per il controllo. La ricerca su altre armi e logica proprio perche' sono fatte per le strategie di conquista. Le armi da controllo sono invece, secondo me, top secret, perche' la loro applicazione diventerebbe molto temuta anche dalla popolazione di casa. Avere un arma che ti puo' far cambiare il tuo stato psico-fisico a distanza, adirittura ammalare o con conseguenze climatiche e geologiche poco piacevoli non e' molto ben accetta da nessuno. Poi ci pensera' la propaganda a farla diventare una cosa buona e necessaria. Stanno gia' promovendo "l'inseminazione delle nuovole" come schermo protettivo contro il riscaldamento globale... certo, come no!

      cit:
      "vedi perchè dico che non servono scie,ne strani marchingeni per manipolare la società,"

      Infatti questo si chiama propaganda.
      Invece qui stiamo parlando di tecnologie che possono controllare, modificare e manipolare la struttura genetica umana e quanto altro. E' eugenetica... il sogno elitario del controllo totale sull'evoluzione umana.

      Sull'Iran non volevo fare il complottologo... comunque, il terremoto disastroso c'e' stato. Forse era solo un avvertimento... sai come fanno i clan fra loro.

      Il terremoto giapponese ha molte altre questioni da affrontare, ma si puo' considerarlo come una minaccia, fatta per far passare la voglia a qualche esponente del governo giapponese (il ministro Shoiki Nakagawa... suicidato) di abbandonare il sistema monetario del dollaro.
      C'e' un'altra qustione a riguardo che parte da uno strano sequestro nel 2009, sulla frontiera italiano-svizzera di Chiasso, di buoni del tesoro USA vecchi di 70-80 anni del valore di 134 miliardi! di dollari... I due asiatici furono stranamente rilasciati... poi si seppe che uno di loro era un (almeno mi sembra) cognato, proprio del ministro in questione. Curioso e' che prroprio questo ministro dichiarava delle minacce possibili da parte USA con "macchine che provocano terremoti"...

      Elimina
  12. Martin, da diverso tempo sto cercando un militare da intervistare. Non è facile.
    Solo perché mi sono fermato a fare qualche foto ai blindati Lince che avevano esposto nei giardini pubblici, durante una loro esposizione al pubblico, un militare di guardia mi è venuto vicino con fare sospetto, chiedendomi per quale giornale scrivessi:

    http://freeanimals-freeanimals.blogspot.it/2011/10/sono-una-spia-dei-talebani.html

    RispondiElimina
  13. Roberto,pensandoci ho il ricordo ,ancora abitavo in campagna ( in mezzo alla Pampa) che ogni tanto in celo pasavano i "come 4" scrivo come letteralmente le chiamavano allora a questi aerei che lasciavano una scia dietro di se,parlo di 30 anni fa,sembra stupido ma in un posto sconfinato dove oltre qualche struzzo che correva di qua e di là altro non non vedevi il "come 4"era un evento di osservare !!!! non so a cosa si referivano i contadini ( ma anche mio padre) per chiamare cosi gli aerei....

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Forse quelle erano vere scie di condensa o forse il governo USA faceva esperimenti su di voi come li aveva fatti anni prima sui guatemaltechi.

      Elimina
  14. Cari signori se volete avvicinarvi alla verità allora è necessario fare della vera ricerca con un po’ di impegno.
    Sarebbe sufficiente che almeno una persona convinta delle scie chimiche si impegnasse a realizzare un'attività analoga a quella illustrata di seguito.

    Di regola chi vuole credere alle scie chimiche conclude sempre con basta osservare quello che succede... peccato che l'osservazione avvenga sempre ad occhio nudo o con fotografie o filmati inadeguati per ottenere un dettaglio significativo di ciò che si manifesta in cielo.

    Ad esempio Galilei non avrebbe mai scoperto Giove se non avesse costruito ed utilizzato un cannocchiale, nessuno sarebbe in grado di stabilire la distanza tra la terra e la Luna o il Sole senza eseguire alcuni calcoli astronomici.

    Per le scie chimiche il concetto è identico, inutile osservare a occhio nudo aerei indefiniti per poi realizzare congetture basate solo sui sentimenti che provocano queste evidentissime manifestazioni.
    Le maestose scie nel cielo sono visibili a chiunque, è normale che possano inquietare o sorprendere... invece le radiazioni, i virus o i batteri sono praticamente invisibili quindi nessuno se ne preoccupa finché qualcuno non lo annuncia... ma forse in quel momento sarà troppo tardi.

    Detto questo vorrei raccontare la storia di tre ex-sostenitori delle scie chimiche: Massimo Santacroce (http://sciemilano.blogspot.it/), un certo MarcoVi (http://ilcielosuvicenza.blogspot.it/) e infine il rev. Stone (www.sciechimiche.org/forum/viewtopic.php?t=3071).
    Il primo era addirittura comparso in TV assieme straker, il secondo era un attivista decisamente impegnato, il terzo era un amministratore dell'ex-sito di riferimento sulle scie chimiche sciechimiche.org.

    Tutti e tre erano convinti sostenitori delle scie chimiche, a un certo punto si sono decisi di fare della ricerca più impegnativa per capire se i tanker clandestini sono davvero dei tanker clandestini, se sono tutti militari, se diffondono le scie da quote basse.
    I primi due hanno iniziato a fotografare tutti gli aerei con scia tramite fotocamere con teleobiettivo fino ad utilizzare un telescopio, il terzo si è limitato ad osservare lo stesso tratto di cielo per parecchi giorni consecutivi con un cannocchiale e a fotografare con una buona fotocamera.
    Tutti e tre hanno confrontato i sorvoli con flightradar24.com.

    - SEGUE

    RispondiElimina
  15. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. H.Potter 2, ma che nick ti sei messo?,sono d'accordo con te,ed in fatti i piu accaniti difensori delle scie hanno creato un dogma,lo difendono come la religione,e se dubiti sei asatanato o in mala fede...leggiti ( se non l'hai gia fatto,i commenti su stampa libera) sembra la guerra di religione,da una parte i "seguaci"dei Marcianò"dall'altra quelli di Wasp,in mezzo il povero Roberto,( che ha fatto andare in su l'audience di sl !!!!) quindi come tutto quello che diventa religione,perde obietività e diventa una fede...
      ti racconto un aneddoto: c'era in Argentina tempo fa un grupo di contatisti,il quale lider era in contatto con non ricordo quale alieno,e diceva che sapeva essatamente a che ora ed in quale luogo passerà una nave....i discepoli dopo aver pagato per la gita nelle "sierras" ( io incluso) ci appostammo verso le 21 in un preciso punto,il maestro cominciò a cantare in una lingua strana ed a invocare gli alieni e dopo 5 minuti eco che passa la nave !!!! tutti preda della emozione,urlavano si abraciavano,una donna vicina a me mi gurda e scoppia in lacrime !!! io non ci potevo credere alla "incul...a"...la nave era un semplice satelite,mi azardai a dirlo e per poco mi linciano,come mi permetevo di rompere l'emozione di un evento cosi meraviglioso....fatto sta che son tornato piu volte allo stesso posto,ed eco che il satellite appariva puntualmente,anche senza l'invocazione del guru,l'ho detto a quelli del gruppo ma nessuno viene a vedere,preferivano credere,ancora oggi raccontano della loro esperienza con l'ufo e la "capacità"del maestro nel interagire con gli alieni....
      quindi credo che la tua proposta resterà nel vuoto,creare miti è facile disfarle no.
      ciao

      Elimina
    2. Piacevole aneddoto, ma credo che me l'avevi già raccontato. Tu in quell'occasione ti sei comportato come un rompiscatole. Non dovevi rompere l'incantesimo creatosi.
      Tuttavia, tra coloro che "credono" alle scie chimiche ci sono anche i razionalisti come il sottoscritto e forse siamo i più numerosi.
      Ciao

      Elimina
    3. No,quella volta era una che si contatava con i pleiadiani,e ci faceva vedere la cità soterranea di "Erks",questa è un'altra esperienza "contatista"!!!
      Il mio commento era riferito alle tifoserie create,e di come quando si tende a credere cecamente,non c'è spazio per la riflessione e nemmeno il confronto,e qualsiasi cosa che metta in dubbio la nostra credenza è da eliminare.Guarda le reazioni in sl,a te sembrano normali? trane due o tre commentatori il resto sembra un cunicolo di inquisitori col rogo pronto.
      ciao.

      Elimina
    4. No,quella volta era una che si contatava con i pleiadiani,e ci faceva vedere la cità soterranea di "Erks",questa è un'altra esperienza "contatista"!!!
      Il mio commento era riferito alle tifoserie create,e di come quando si tende a credere cecamente,non c'è spazio per la riflessione e nemmeno il confronto,e qualsiasi cosa che metta in dubbio la nostra credenza è da eliminare.Guarda le reazioni in sl,a te sembrano normali? trane due o tre commentatori il resto sembra un cunicolo di inquisitori col rogo pronto.
      ciao.

      Elimina
  16. Ora i tre personaggi non credono più alle scie chimiche, i primi due hanno aperto dei blog (consultateli!) contenenti tutte le prove scientifiche scaturite dalle loro ricerche, in particolare dalle foto ultra-dettagliate si comprende che praticamente il 100% degli aerei con scia si trovano a quote elevatissime, tutti possiedono delle marche leggibili sotto le ali, hanno le livree dei liner commerciali e soprattutto i finestrini, compresi gli aerei militari.

    Le foto prodotte non possono mentire perché con gli originali, note le caratteristiche tecniche della fotocamera e del telescopio, possono essere facilmente analizzate per accertare con metodo scientifico la quota rilevata tramite flightradar24. Inoltre per tutti gli aerei identificati è possibile conoscere l'aeroporto di partenza e quello di destinazione il numero del volo e, con un po' di organizzazione, poiché il dato viene riscontrato in tempo reale, si potrebbero attendere i passeggeri al varco di uscita dell'aeroporto di destinazione per chiedergli se si trovavano davvero su un volo di linea.

    Se leggete le osservazioni del Rev. Stone capirete tante cose, ad esempio che in quell'angolo di cielo tutti i giorni passano sempre gli stessi aerei, se non fanno la scia sono praticamente invisibili invece con la scia si vedono immediatamente, alla fine ha stabilito che sono tutti aerei di linea che tutti i giorni fanno la stessa tratta. Quindi un giorno sono tanker clandestini e l'altro no? Da questa esperienza si evince perché quasi tutti sostengono che le scie siano prodotte solo in determinate giornate mentre gli altri giorni non passano quasi mai aerei. Senza un'osservazione attenta basata sulla posizione segnalata da flightradar24.com utilizzando uno strumento come un potente cannocchiale difficilmente si riesce a scorgere un aereo senza scia.

    A questo punto mi sembra che la prova ottenuta sia inconfutabile, se sono tutti normali aerei civili allora il complotto non esiste.
    Quindi mi aspetto che il ricercatore indipendente rosario marcianò (o chiunque altro) faccia per davvero qualcosa del genere oppure proponga delle osservazioni pertinenti circa la fallacia di questo metodo.

    Se tutti rimarranno nel silenzio ignorando quanto esposto allora è possibile concludere che c’è solo della malafede oppure le scie chimiche sono un culto esoterico, quindi come tali vanno considerate.

    - FINE

    RispondiElimina
  17. Intervento interessantissimo, Harry Potter! Come darti torto?
    Ammetterai però che andare ad aspettare i passeggeri all'uscita degli aeroporti sia operazione che anche la CIA avrebbe difficoltà ad implementare. Io sono un comune mortale, disoccupato per giunta, che deve badare alle spese eccessive e quindi puoi immaginare se ciò che tu proponi sia alla mia portata. Come ho risposto a Padre Patta su Stampa Libera, sono d'accordo che andrebbero fatte le analisi in volo, raccogliendo campioni di fumo, ma non mi sembra facile ottenere l'autorizzazione di posizionarsi dietro un aereo militare, o anche civile, alla distanza giusta per fare i prelievi.
    Dovrebbero essere le autorità a fare i prelievi, con denaro pubblico, quelle stesse autorità che sono colluse e che hanno ricevuto disposizioni dall'alto, da molto in alto, di non interferire con le operazioni militari americane.
    Siamo una colonia americana, sei d'accordo, no?
    Interessante anche la tua definizione di scie chimiche come "culto esoterico". Peccato che l'ultima cosa che cerco è di seguire un culto, agnostico come mi reputo e refrattario a qualsiasi teoria fideistica.
    Resta solo il dubbio che dal comportamento degli aerei (altro per ora non posso fare se non osservare, che è la prima regola delle indagini scientifiche) si notano manovre poco pertinenti a voli di linea civili e che solo aerei senza passeggeri potrebbero fare. Tornare indietro, viaggiare in parallelo in due o tre, ecc. ecc.
    Quando qualcuno ci spiegherà, con la pacatezza che hai usato tu, il perché di queste strane manovre, mi aggiungerò al trio dei tre....pentiti del complottismo.
    Ciao e grazie.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Freeanimals, l'intervista ai passeggeri è una provocazione però se marcianò le facesse davvero mi renderebbe assai felice.
      In ogni modo il mio intervento si limita esclusivamente a proporre la ricerca tramite la fotografia avanzata che permette di identificare tutti gli aerei che fanno scie dritte o strane evoluzioni.
      Una volta identificati tutti gli aerei con scia, soprattutto quelli che fanno strane evoluzioni, allora ne potremo discutere.

      I prelievi in quota le analisi e altro sarebbero magnifici ma al momento mi accontenterei delle foto, costano poco, sono di facile realizzazione e producono un risultato certo.

      Questo tipo di ricerca non la deve fare chiunque (tu compreso) ma coloro che si definiscono Ricercatori Indipendenti a partire da Rosario Marcianò.

      Se non lo vogliono fare o se non contestano in modo serio e circostanziato quanto affermato allora vale l'ultimo periodo del mio commento.

      Saluti

      Elimina
    2. ahahah! ma cosa vuoi che ricerchi il marcianò!
      Uno che dichiara di vedere i 774 a 1561 mt sulla piazza del mercato di Sanremo!

      E c'è qualcuno che ancora gli crede!

      Elimina
    3. Appunto, se riprendi e fotografi col telescopio un aereo a 1.561 metri probabilmente riesci a vedere gli elettroni dell'alluminio del rivestimento.

      Elimina
  18. Mai ho avuto la sensazione di avere sprecato il mio tempo come dopo aver letto questo articolo.
    Che delusione freeanimals, immenso sconcerto nel vederLa pubblicare queste cose, dal Suo ultimo messaggio però se ne intuisce la ragione, o, meglio, la necessità che La ha spinta a farlo.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Cioè, quale sarebbe la ragione? O la necessità?
      Tu non sai quante volte, negli ultimi tre anni, ho fatto passeggiate in campagna e ho desiderato essere in compagnia di qualche esperto in aviazione a cui chiedere l'altezza di volo degli aerei sciatori e altri particolari.
      Leggendo Tanker Enemy so che i fratelli Marcianò sono persone rispettabili e competenti, checché ne dica il mio intervistato, ma anche scambiando qualche mail, quelle poche volte che è successo, con scettici appassionati di volo o astrofili mi sono accorto di aver a che fare con persone che sanno il fatto loro.
      E allora, perché devo escluderli come fonti di conoscenza solo perché stanno dall'altra parte della barricata?
      Se non te ne sei accorto prima, te lo dico ora: a me la partigianeria non piace. Mi sa tanto di cecità e preclusione.
      Se io sbaglio devo avere l'umiltà di ammetterlo, ma anche se sbagliano gli scettici mi aspetto che abbiano la stessa umiltà di ammetterlo.
      E come se ne esce se non con il confronto?
      Esci dalla barricata, oh ragazzo della Via Paal, e cessa le ostilità.
      Grazie.

      Elimina
  19. Non so se lo conosci già, Roberto; questo è il rev.stone ex punta di diamante di sciechimiche.org. Penso sia interessante:

    http://www.sciechimiche.org/forum/viewtopic.php?t=3071&postdays=0&postorder=asc&start=0

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Me ne aveva parlato Harry Potter.
      Non l'avevo mai sentito nominare.

      Sua citazione (in cui parla dei debunkers e dei complottologi):
      "Non voglio farmi trascinare ancora in questa inutile e logorante guerra, non voglio appartenere a nessuna delle due polarità".

      Me gusta!

      Grazie.

      Elimina
  20. Sono entrato al sito tanker enemy,non lo conoscevo,vedo che parlano di chemtrails,e la prima publicità che trovo dice : "voli andata e ritorno da 9 Euro"...di volagratis.com !!!! mi è sembrato paradossale,niente da dire sul sito,ma niente più simbolico di ciò! :-)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Io non ho trovato la pubblicità che dici tu, ma su Luogo Comune capitava che apparisse la pubblicità delle medagliette della Madonna, magari a fianco di un articolo anticlericale.
      Non dipende dal titolare del sito, ma è un automatismo dovuto a Google, credo.

      Elimina
    2. Non so a cosa sia dovuto,la mia era una semplice "nota"e come sempre ripeto,se al giorno c'è ne sono una media di 100.000 voli regolari nel mondo,sai quante schifezze lasciano nel area? e questo è un dato di fatto,se poi si aggiungono aeri strani che rilasciano altro ,non lo so ( anche se come ho gia detto,ho forti dubbi),quello che io mi chiedo,è il perchè tanto accanirsi nel difendere una teoria,quando si dovrebbe invece usare le energie per sistemare,quel che ADESSO fa danno?...in Argentina avevo un amico che si sfiniva fisica ed economicamente per la difesa delle tigre in Asia,quando a Cordoba c'è ne erano migliaia di cani randagi che ti giravano atorno,forse non sarà un modo in piu per distrarre un po la atenzione della gente?,cosi si perdono alla ricerca di chi sa cosa ( possono essere scie chimiche,illuminati ecc.) in tanto le cose "reali" vanno in ramengo...forse il detto "una nuvola di fummo" non è un caso...deviare l'attenzione della gente è sempre stato un vizieto di tutti i governi del mondo...

      Elimina
    3. Qui concordo perfettamente con te. Mi sono accorto da molto tempo che la televisione mostra bellissimi documentari sulla fauna esotica e a volte si chiede ai telespettatori di firmare petizioni in difesa di animali che rischiano l'estinzione e che vivono dall'altra parte del mondo.
      Ultimamente non lo fa solo la tivù, ma anche Beppe Grillo, forse per accattivarsi le simpatie degli ecologisti, nel momento in cui sul suo blog trovi la questione degli Orsi della Luna e dei globicefali uccisi nelle isole Far Oer, ma non trovi mai alcun accenno alle mucche o ai polli macellati in quantità enormi in Occidente negli allevamenti industriali.
      Occuparsi dei poveri orsi e dei globicefali non è, di per sé, sbagliato, ma svolge comunque la funzione di deviare l'attenzione dei fan di Grillo dal grave problema dell'allevamento intensivo e delle macellazioni brutali che succedono qui da noi, a pochi passi da casa nostra.
      In questo senso, Beppe Grillo si comporta da "gatekeeper", guardiano della porta.

      Elimina
  21. La necessità a cui facevo riferimento è quella di mangiare, bere, pagare l'affitto, le bollette ecc...e visto che dichiarava di essere disoccupato presumo sia un problema, più di quanto non lo sia già in questi anni per chi invece ha ancora una retribuzione.
    Non c'è alcun bisogno di confronto sul SE esistono le scie chimiche, dopo anni che frequenta(va) certi blog questo lo sa anche Lei, si può invece ancora discutere del come e dei perchè, ma in ogni caso mai con quelli a cui ha dato voce nell'articolo o nei commenti, sarebbe solo tempo perso anche per la semplice ragione che loro discutono ancora del SE esistano - anzi, a dire il vero, non discutono nemmeno, sentenziano e basta e per di più senza alcuna argomentazione a supporto.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Io invece, dare la parola a chi non la pensa come me, lo trovo costruttivo. Serve se non altro a disintegrare le barriere fittizie che ci siamo creati o che ci hanno spinto a creare.
      Forse la verità non la sapremo mai, ma mostrare non dico amore ma tolleranza verso le menzogne del prossimo, indicandole chiaramente come tali con fermezza, è un buon modo per facilitare il compito alla verità di venire a galla.
      Dipende da quanto forti ci sentiamo dentro.
      Io mi sento abbastanza forte da confrontarmi con chiunque.
      Considera infine che non sempre si trova un debunker disposto a farsi intervistare. E quindi ho colto l'occasione e voglio ringraziare ancora il signor Nigrelli, per questo.

      Elimina
  22. e per di più senza alcuna argomentazione a supporto

    Senti Anonimo, sopra c'è un'argomentazione a supporto talmente lunga che sono stato costretto a dividerla in due parti. E' pochissimo rispetto alle centinaia di argomentazioni a supporto che tanti altri hanno scritto per spiegare che le scie sono di condensa.

    Sto aspettando che qualcuno come te faccia delle osservazioni del tipo: "la tua argomentazione non consente di provare nulla per questo e quest'altro motivo..."
    Grazie.

    RispondiElimina
  23. Mi rallegro, freeanimals, che li definisca ancora debunkers e, se ho bene capito, che considera menzogne quello che dicono.
    Mi permetta una battuta, Lei dice che "serve a disintegrare le barriere", io temo che dopo che La avranno usata per bene per i loro beceri scopi disintegreranno Lei, non le barriere, mai fidarsi di certi individui, più sono concilianti più sono insidiosi.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Finché "loro" ci chiameranno complottisti, io li chiamerò debunkers, tenendo presente che in entrambi i casi si tratta di etichette.
      Alla fine degli anni Settanta mi colpì uno slogan dei Radicali: "Sparano alla divisa e dentro c'è un uomo".
      Applicata alla situazione attuale, insultare l'altro perché è un debunker o un complottista significa colpire con pallottole virtuali il nemico, dimenticando che dietro c'è un essere umano pensante.
      Se i debunkers sono pagati dal ministero dell'Interno prima o poi lo si verrà a sapere.
      Non c'è fretta. I nodi vengono al pettine.
      Io resto convinto che le autorità tramino per danneggiare la popolazione, a prescindere da ciò che esce dai tubi di scappamento degli aerei. Lo so da vecchia data, in quanto vecchio anarchico.
      Comunque, Anonimo, grazie per il tuo interessamento.
      Alla prossima.
      Ciao

      Elimina
    2. Anonimo, il tuo ulteriore commento non porta alcun giovamento alla discussione anzi dimostra chiaramente che, almeno tu, fai parte del culto esoterico delle scie chimiche.
      Mi rassegno perché è un impresa impossibile, analoga al tentativo di convincere un frate di clausura dell'Eremo Camaldolese di Monte Rua della non esistenza di Dio.

      Elimina
    3. è questo modo di porse che rende meno credibile una afermazione o una teoria,perchè denota una non ricerca della verità,bensì alzare un altare,io ho una mia idea e ne posso discutere,anzi se ne trovo uno che la pensa in modo oposto al mio meglio,cosi avrò modo di vedere una parte che forse non vedevo,e questo mi arricchisce,etichettare la gente,(debunker),non fa altro che creare divisione,quello che in teoria il "sistema"vuole....

      Elimina
    4. Non vorrei dare l'impressione di essere un lecchino, ma sono molto d'accordo con martin.

      Elimina
  24. Anonimo, la sai la storia di quello che si faceva le domande e poi si dava le risposte da solo? Dopo un po' si incazzava a bestia e si mandava affa... da solo!
    Io sarò anche un ingenuo... ma ho fiducia nella gente e fino ad ora mi sono sempre trovato bene. Faccio come il fiammifero, però: fregato una volta non lo freghi più.

    RispondiElimina
  25. Anonimo (citazione):
    "disintegreranno Lei, non le barriere, mai fidarsi di certi individui".

    Ho la presunzione di essere indistruttibile e quindi non temo che possano disintegrarmi o portarmi dalla loro parte. E neanche penso che questo sia il loro obiettivo.
    Si sta solo parlando e spero che non ti offenderai se a volte qualcuno di loro ti tratterà un po' bruscamente.
    Da parte mia avrai sempre il rispetto dovuto a un essere umano pensante e qui sarai sempre il benvenuto.
    Ciao

    RispondiElimina