martedì 27 giugno 2017

Uno sguardo sul passato coloniale degli europei





Sarah, come tanti altri bambini di etnia khoi era nata già schiava. Molti della sua gente erano stati sottomessi dagli olandesi durante l’occupazione dell’odierno Sudafrica. E al momento della sua nascita, alla fine del '700, i boeri organizzavano ancora spedizioni per uccidere gli indigeni che non volevano piegarsi all’ordine coloniale. Sarah fin da giovanissima fu costretta a lavorare nella fattoria in cui era nata e, dopo essere stata venduta più volte, arrivò nelle mani di Hendrick Caezar, che oltre ad usarla come domestica e bambinaia, la costrinse a prostituirsi ed infine decise di portarla in Europa per farla esibire a pagamento. Il 24 settembre 1810 un manifesto per le strade di Londra parlava per la prima volta della “Venere ottentotta”. Erano gli anni in cui oltre agli animali esotici, gli individui considerati “fenomeni da baraccone” venivano esposti alla pubblica osservazione nei tristemente noti zoo umani. 
Tra queste c’era Sarah, che non aveva nulla di diverso dalle altre donne della sua etnia. Statura bassa, seni voluminosi, natiche assai sporgenti. Fattori che tra i khoi non avrebbero destato alcuno scandalo e che invece in Europa la resero un oggetto da mettere in mostra per appagare il diffuso bisogno di “erotismo esotico”.

L'Italia fa venire voglia di andare via



Qualche tempo dopo essere andato in pensione vengo casualmente a saperlo: grazie a una legge italiana del 14 maggio 1980 (accordo bilaterale con il Portogallo), se divento residente non abituale in Portogallo, il che comporta passare 6 mesi e un giorno nel nuovo Paese, posso ricevere la mia pensione, accreditata all’estero, al lordo, ossia senza il 37% di trattenute dello Stato italiano; dopodiché, per libera decisione del Portogallo, non verserò alcuna tassa per un periodo di 10 anni. Interessante, mi dico. Ne discuto in casa e a dicembre 2016 vado a passare qualche giorno a Cascais, la città sull’oceano a 25 km da Lisbona dove re Umberto di Savoia andò in esilio nel giugno 1946, per farmi un’idea. Il periodo è il meno indicato, ma in realtà non è così: perché i giorni che trascorro li passo in un clima mite, la gente che passeggia vestita leggera, molti ragazzi addirittura in camicia o t-shirt. In quanto alla città, è splendida: inondata da una luce indescrivibile e rinfrescata dalle acque dell’oceano che respiri in ogni momento a pieni polmoni.

Notizie infernali per nascondere il risveglio delle coscienze

Namastè, consapevoli e attenti lettori, continuano ad arrivarmi sempre più veloci dei post che ho definito perle sul tema più attuale e importante che è quello della consapevolezza del proprio sé. Essa porta all'evoluzione individuale, prima, e poi della Collettività. Essa è diventata ormai "inarrestabile". Il Potere potrà "rallentarla", in parte anche "deviarla", ma non riuscirà più a "fermarla". Tempo al tempo! Buona Vita. SDEI/SERGIO 


Fonte: Libre

Il mondo sta saltando in aria? No: stanno cercando di far saltare in aria noi, che è diverso. «Ma non ci riusciranno. Saranno loro, invece, ad arrendersi. E questa è la buona notizia: la migliore, da duemila anni a questa parte». Fausto Carotenuto, analista geopolitico di lungo corso, esibisce un incrollabile ottimismo: da quando ha abbandonato la sua vita precedente, di consigliere “senior” a livello mondiale per le reti di intelligence della Nato, ha imboccato una via senza ritorno, quella che definisce «il risveglio delle coscienze, cioè la cosa che i grandi poteri più temono, in assoluto». E avverte: «Siamo di fronte a un evento storico inedito, senza precedenti: un terzo dell’umanità si sta semplicemente risvegliando. E non era mai accaduto, in passato, con queste proporzioni, a livello di massa». E’ una tesi sulla quale Carotenuto, fondatore del network “Coscienze in Rete”, insiste ormai da anni, forte anche delle ammissioni di organismi internazionali come il Club di Budapest: è tutto vero, almeno il 30% dell’umanità, in ogni continente, ha smesso di “farsi la guerra”, alla competizione preferisce la collaborazione. Non si fida più della politica e dell’economia. Pratica la solidarietà, ama la natura, fa precise scelte di vita. Va verso un orizzonte che al potere fa orrore: ed è per questo che i grandi poteri, oggi più che mai, puntano sulla guerra e sul terrorismo. Hanno paura.

lunedì 26 giugno 2017

Anonymous fa parte della Cricca


Fonte: Leggo

Gli alieni esistono e la Nasa sta per annunciarlo al mondo, è quanto affermano gli attivisti hacker Anonymous. Il gruppo di hacker ha diffuso un video in cui ipotizza che la Nasa stia per annunciare che sono state scoperte forme di vita aliene nello spazio. Infatti, secondo Anonymous, nell'ultimo incontro della "Us Science Space and Tecnology committee" della Nasa, il professore Thomas Zurbuchen, portavoce dell'ente spaziale, ha dichiarato: "La nostra civiltà è sul punto di scoprire le prove di vita aliena nel cosmo. Alla luce delle differenti missioni che sono impegnate nella ricerca di vita aliena, siamo sul punto di fare una delle più profonde e senza precedenti scoperte della storia".


Politici arraffoni, avidi, faziosi ma timorosi del pericolo esterno


Alla fine del Duecento, il mercante Dino Compagni viene più volte eletto fra i sei Priori del governo del popolo, a Firenze. Da brava persona qual è, cerca di pacificare gli animi delle fazioni che si combattono fra loro, composte principalmente dai nobili. Si tratta di due visioni del mondo diametralmente opposte: i mercanti si arricchiscono nei periodi di pace, mentre i nobili si arricchiscono con la guerra. Purtroppo, indipendentemente dal fatto che a Firenze comandino i rappresentanti del popolo mercantile o quelli della nobiltà, nessuno si preoccupa di difendere gli interessi della popolazione, ma tutti pensano unicamente a se stessi, ai propri parenti e al proprio partito, nell’ordine. A lungo Dino Compagni cerca di mettere pace fra guelfi e ghibellini, fra guelfi bianchi e guelfi neri, ma alla fine, scrivendo dopo molti anni le cronache di quando svolgeva politica attiva a Firenze, dovrà amaramente constatare che le assemblee pubbliche, le parole, i proclami e i giuramenti erano inutili e si sarebbe dovuto….”arrotare i ferri”. Esattamente ciò che si dovrebbe fare ora, quando sentiamo una parte di italiani parlare di integrazione, quel mito moderno che vorrebbe far andare d’amore e d’accordo etnie, religioni e visioni del mondo troppo diverse tra loro. A un certo punto, constatata l’impossibilità di far vivere in armonia i cittadini fiorentini, Dino Compagni spera che l’arrivo in Italia dell’imperatore Enrico VII possa servire a pacificare i contendenti. Ma è una speranza vana. Questo però mi ricorda l’ipotesi che per far mettere d’accordo le nazioni della terra sia necessaria un’invasione aliena, un pericolo esterno che ci renda tutti affratellati nelle operazioni di difesa. Se gli alieni tardano a invadere la Terra, allora faremo finta che ci invadano. Uno dei possibili modi con cui gli Illuminati potrebbero attuare il NWO. Stiamo in campana! Dalla storia passata, cerchiamo di trarre insegnamenti utili per noi, validi per i nostri tempi.


I miei rapporti con gli utenti del blog


Questo blog è un autobus e io sono l’autista. Questo autobus presta servizio gratuito e ogni giorno vi salgono, senza pagare alcun biglietto, poco meno di mille persone. Alcune di esse fanno più di un giro al giorno e quindi i passeggeri effettivi sono un po’ di meno. Questo autobus viaggia a orari più o meno fissi e non ha bisogno che sia pieno di gente per partire, come succede in Madagascar. Questo autobus viaggia per conto suo, poiché l’autista conosce l’itinerario, ma accetta volentieri suggerimenti da utenti collaborativi. La maggior parte viaggia in silenzio, salendo e scendendo quando pare a loro. Non creano problemi. Tuttavia, come succede con i migranti che pretendono di salire senza pagare il biglietto e, se gli viene richiesto, reagiscono con arroganza e qualche volta anche con violenza, anche sul mio blog salgono persone che non sanno dimostrare gratitudine per il servizio da me prestato, ma si fanno arroganti, spocchiosi e pieni di sicumera. Pensano di sapere tutto loro, e non sanno niente. Non che io sappia già tutto (e infatti accolgo volentieri i suggerimenti degli utenti gentili), poiché tutti noi siamo su questa Terra per imparare. Nel migliore dei modi, possibilmente.


L'invasione dell'Europa a macchie di leopardo


Fonte: Il Giornale


NO-GO ZONE ISLAMISTE

Il Ministero dell’Interno svedese ed il NOA (Dipartimento Operazioni Polizia) hanno aggiornato l’elenco dei distretti del Paese definiti “particolarmente vulnerabili” per l’ordine pubblico; in pratica zone ad alto tasso di criminalità e emarginazione a cui è richiesto, alle stesse forze di polizia, tecniche di intervento particolari. Erano 15 nel 2015 ed oggi sono 23; a questi si aggiungono altri 53 distretti “vulnerabili” in cui la situazione di ordine pubblico non è critica come gli altri ma a rischio degenerazione. I distretti sono diffusi nelle città maggiori (Stoccolma, Goteborg, Malmö, Uppsala). Nel report è specificato che i distretti vulnerabili sono aree prevalentemente abitate da immigrati islamici “dove è difficile o quasi impossibile per la polizia adempiere alla propria missione”, dove esistono “strutture comunitarie parallele” a quelle dello Stato, “estremismo religioso e fondamentalista come violazione sistematica dei diritti delle persone”“elevata concentrazione di reati penali” e tendenza “all’arruolamento di persone per aree di conflitto” (Siria e Iraq). Insomma delle vere e proprie “no-go zone”, come definite dal quotidiano DN che per primo ha pubblicato il report.


Dal fallimento finanziario alla vita solitaria


Fonte: Corriere della sera

David Glasheen è l’unico abitante di Restoration Island da 20 anni. David Glasheen era diventato ricco giocando in borsa. Aveva investito nel settore immobiliare di Sydney. Tuttavia, nel 1987 (nel lunedì nero di Wall Street) perse tutto: oltre 10 milioni di dollari. L’uomo decise così di andare a vivere su un’isola deserta al largo della costa nord-orientale dell’Australia, Restoration Island, con pochi mezzi e da solo. Qui vive (felice) da vent’anni. A tenergli compagnia c’è il cane “Quassi”. Glasheen, che oggi ha 73 anni, ammette: “La vita selvaggia è dura, è un mondo difficile”. Sottolinea: “È importantissimo lavorare con gli elementi. Le persone pensano che si possa aprire il rubinetto ed esce l’acqua. Ma qui, inizi a capire che non è così”. Glasheen sostiene che la cosa più bella di essere un eremita è la pace. L’unica cosa che però gli manca, spiega, è qualcuno con cui condividere tutto questo. Per questo ha postato un annuncio sui siti d’incontri per trovare l’anima gemella che lo raggiunga. Per ora senza fortuna. Una piccola curiosità: un giorno qui sbarcò col suo grande yacht anche Russell Crowe, che rimase a cena da David.


Tante foto e poco arrosto


Fonte: Il Giornale

C'è un famoso racconto di fantascienza di Katherine MacLean che Fruttero e Lucentini inserirono nella loro storica antologia "Le meraviglie del possibile" (1959) intitolato "Le immagini non mentono" e che racconta di come i terrestri cadono in un equivoco durante il primo contatto con gli alieni nel rispondere alla loro richiesta di aiuto dopo il loro atterraggio. È passato da un bel pezzo il tempo in cui si riteneva che foto e filmati fossero più veritieri delle testimonianze oculari: foto e film sono oggettivi, quel che si vede a occhio nudo è soggettivo e quindi equivocabile. Non è vero. Sin dagli inizi della storia della fotografia e del cinematografo è possibile truccare, l'importante è che il trucco non si veda e si creda tutto vero. Nei pionieristici film di Georges Méliès il trucco era palese, ne "Il Signore degli Anelli" o nei film dei supereroi e affini il trucco sembra vero, tanto per fare un confronto. Oggi è facilissimo, con i mezzi della moderna tecnologia elettronica, con appositi programmi come Photoshop, ad esempio, creare clamorosi falsi ritenuti veritieri, quasi più veri del vero, e difficili da scoprire: si pensi solo a quelli apparsi, però subito smascherati, dopo l'attentato alle Torri Gemelle dell'11 settembre 2001.

domenica 25 giugno 2017

Lettera agli Arconti



Namastè, documentati e gentili lettori, eccovi un altro post, o meglio perla, di quella lunga e preziosa collana che prende il nome di conoscenza. Ho chiesto di pubblicarlo perché nelle sue parole c'è fede-speranza-carità e non certo rassegnazione-paura-abbandono. Ad maiora!
Buona Vita. SDEI




A voi che fate il male con consapevolezza e ne traete piacere. A voi che operate alacremente per imbruttire questo mondo e renderlo degno del vostro odio. A voi che giocate con l’esistenza dei popoli per i vostri meschini interessi. A voi che guerra, fame, droga e morte, importano solo come occasioni di guadagno. A voi che parlate di governance, prodotto interno lordo, finanza e ve ne fregate della miseria delle persone. A voi che con i vostri aerei bianchi state intossicando i cieli, la terra, l’acqua e tutte le creature. A voi che inoculate veleni ai bambini fin dalla nascita, per poi riempirli di violenza con i vostri orridi giochi. A voi che usate ogni mezzo per rendere volgare la vita sulla terra. A voi che volete trasformare il nostro DNA. A voi che studiate alimenti che ci rendano più animali. A voi che operate oscuramente per modificare le coscienze. A voi che volete distaccare le anime dai corpi, per usarli a vostro piacimento. A voi che fate belli i vampiri. A voi che vi nutrite dell’avidità stessa. A voi che non siete nemmeno di questo pianeta e ci guardate come cibo. 

Vietare gli assembramenti sediziosi


Testo di Ludovico Muratori

Eventi del genere si sono verificati a Roma presso il Colosseo ed a Milano. Adesso anche a Modena. Bisogna assolutamente creare un esempio di remora fondamentale: una volta che si trovano costoro in raccolta numerosa vanno immediatamente rispediti in massa al loro paese, senza alcuna recriminazione di sorta, perché se noi oggi tolleriamo questo atteggiamento, che comunque è prevaricatore, e indice di una pretesa impositiva, domani ci troveremo con il coltello alla gola nell'impossibilità anche di esprimere il nostro pensiero su qualsiasi cosa. Lo Stato, e me ne rendo conto, quello attuale, non è certamente il più idoneo a simili provvedimenti. Ma se vuole che il paese rispetti un certo ordine comportamentale pubblico deve imporre il rispetto di quella legalità che non può essere violata da usanze cretine, nel rispetto di usanze sciocche di terzi. 

Anche in Cina ci sono animalisti




Nella giornata del 21 giugno, un gruppo di attivisti cinesi ha salvato 1000 animali, tra cani e gatti, trasportati da un camion diretto a Yulin. La città tristemente nota per il ‘Lychee and Dog Meat Festival‘, ovvero il festival della carne di cane che si tiene ogni anno a partire dal solstizio d’estate. Secondo Peter Li, un corrispondente dell’Ong ‘Humane Society International’, si tratta di uno dei salvataggi più considerevoli, dal punto di vista numerico, mai effettuati in Cina. Nonostante il governo locale abbia bandito la vendita di carne di cane, in accordo con un video girato dall’attivista Marc Ching, pare che diversi venditori abbiano ignorato il divieto.

La crudeltà tra affarismo e tradizione



Appuntamenti annuali che si registrano un po’ in tutte le stagioni e che come sempre, indignano gli animalisti e sollevano non poche polemiche. Tra queste ricorrenze, in Cina, l’etnia Dong, originaria nel sud del paese, da ormai 470 anni, celebra il festival della Fortuna nell’ambito del quale viene sacrificato un toro, appeso ad un albero dove viene lasciato morire. Prima della sua condanna, l’animale è accuratamente ornato di fiori e abbellito. Un rituale per la buona sorte, il bel tempo, un raccolto pieno, per la pace e la prosperità. Questa festa, come riporta il Daily mail che ha riservato un approfondimento sul tema, si svolge il 2 giugno nel villaggio Baojiang, nella regione del Guangxi Zhuang e attira ogni anno migliaia di turisti. Il povero animale ornato di fiori e legato con delle corde viene poi issato sull’albero per essere impiccato davanti agli occhi della popolazione tra cui molti bambini. Secondo le indiscrezioni, trapelate dalla testata britannica, l’animale muore dopo una lenta agonia per soffocamento dando modo ai visitatori di avvicinarsi per assistere alla sua morte e chiedere a turno la buona sorte. Una tradizione alla quale i cittadini di Baojiang non vogliono rinunciare anche perché la cerimonia, con tanto di parata di accompagnamento del toro, attira molti turisti e si rivela un’attrattiva fondamentale per il luogo e per le attività commerciali.  

Una sintesi della realtà


Solo singoli pensatori finora se ne sono accorti, penso a Ferdinand Céline, e lo hanno denunciato, andando incontro alla “damnatio memoriae”. Le masse non se ne sono mai accorte, né se ne stanno accorgendo: dietro ogni attentato, ogni legge e, oserei dire, ogni evento significativo che vada ad influenzare le nostre vite, ci sono loro: gli ebrei. Agiscono su mandato divino. Sono, come nel film Blues Brothers, in missione per conto di Dio. La loro missione è far diventare l’intero pianeta la loro patria, israelizzare il mondo e mettersi a capo di milioni di schiavi. Quando noi oggi, cristiani, atei e liberi pensatori, ci scandalizziamo dell’arroganza islamica che ci vuole dominare tramite la strisciante invasione in atto, ricordiamoci che essa è solo una pallida imitazione di ciò che gli ebrei hanno in mente di fare: dominare il mondo. Del resto, i Protocolli dei savi di Sion lo avevano detto chiaramente, a prescindere da chi li abbia scritti. Evidentemente, c’è una forza che si oppone al piano massonico sionista del NWO. Chiamatela Massoneria buona, chiamatela angeli custodi. Chiamatela Ninhursag, la sorellastra di Enki ed Enlil che, fra tutti gli Anunnaki, fu quella che aveva preso maggiormente a cuore le sorti dell’umanità. Di fatto, se non capiamo chi sono i nostri veri nemici, non possiamo difenderci. Bisogna prendere coscienza dei mezzi subdoli che gli ebrei usano per implementare i loro piani di conquista.


sabato 24 giugno 2017

Abbiamo ucciso il tuo fottuto Gesù e ne siamo fieri!


Hanno tutti cognomi slavi, ma si credono discendenti degli antichi ebrei. Secondo il loro libro sacro, tre furono i capostipiti delle razze esistenti, Sem, Cam e Jafet, che diedero origine rispettivamente ai semiti, ai camiti e ai giafeti. Se prendiamo per buona questa ipotesi biblica, semiti sono gli arabi, camiti sono gli africani e giafeti sono gli europei di pelle bianca, altrimenti conosciuti come caucasici. Tutti questi sedicenti ebrei, arrivati nei decenni scorsi da Polonia, Russia e altrove, di che colore hanno la pelle? A quale dei tre figli di Noè dovrebbero fare riferimento? Mi pare evidente che Jafet sia il loro (e nostro) capostipite, ma loro, quei pazzi ebrei fondamentalisti, lo negano. Si autoingannano, si plagiano a vicenda e tirano in ballo quel comandante alieno che illo tempore si prese quelle terre e che passò alla storia come Geova degli eserciti, un nome che è tutto un programma. Si fanno forza degli ordini che l’esercito israeliano ha ricevuto, difendere i coloni e impedire atti di terrorismo, per commettere i peggiori soprusi nei confronti dei palestinesi, compresi i bambini e le ragazze che vanno e tornano da scuola. Teppisti della peggiore specie, fanatici che si appellano ai testi sacri per portare a compimento la pulizia etnica di quegli arabi che vivono lì da generazioni. Il paradosso è che da una parte i coloni fanatici pensano di essere un baluardo della civiltà occidentale, nel momento in cui cercano di sconfiggere il terrorismo arabo, e dall’altra, gli ebrei moderati temono che Israele potrebbe anche scomparire se non vengono allontanati i coloni dagli insediamenti riconosciuti illegali a livello internazionale. In mezzo ci sono i palestinesi, costretti a lasciare le loro case. Nessuno interviene. Nessuno osa immischiarsi negli affari di Israele, mostro voluto e creato dai Rothschild. Finirà male.


Un'antesignana del femminismo


Se è vero che il movimento femminista nasce in epoca moderna, e può esser stato usato dagli Illuminati per destabilizzare la famiglia tradizionale, è altrettanto vero che il desiderio di parità fra uomo e donna è molto più antico, dovendo farlo risalire almeno al Quattrocento. A cavallo tra i due secoli XIV e XV, ci fu una donna italiana che si trasferì in Francia all’età di quattro anni, una specie di cervello in fuga, si direbbe oggi, che di mestiere faceva la scrittrice. Fra le sue ultime opere vi furono libri dalla chiara matrice femminista. Si chiamava Cristina da Pizzano, conosciuta in Francia, ma poco o nulla in Italia. Di fronte alla diffusa credenza dell’epoca che le donne fossero inferiori all’uomo e che fossero capaci solo di parlare, piangere, filare e come amanti, Christine dice che se le cose stanno così è perché le bambine non vengono mandate a scuola e perché le donne non vogliono intraprendere carriere tradizionalmente riservate agli uomini. Lei stessa, figlia di un erudito in servizio alla corte di Francia, fu un esempio del fatto che se alle donne viene permesso di studiare, possono spingersi ad ottenere splendidi risultati. Al giorno d’oggi, molti ruoli una volta riservati agli uomini, sono condivisi anche dal sesso femminile. E nessuno ha niente di cui lamentarsi. E’ per questo che la nostra società, indipendentemente dal sospetto che il Femminismo moderno sia stato strumentalizzato dagli ebrei per distruggere la famiglia, può chiamarsi “Nuovo Patriarcato”. Ed è per questo che c’è un effettivo pericolo nell’avanzare del “Vecchio Patriarcato”, interpretato dall’islamismo strisciante che si sta infiltrando tra di noi. Le femministe moderne dovrebbero combattere contro tale invasione culturale, ad imitazione delle donne kurde, ma dove sono finite le femministe moderne?


Essi faranno delle loro chiese, musei


Fab Enrico: Scusate se mi ripeto. Il primo passo è privatizzare tutte le religioni. Nel senso che ciascun essere umano, credente in ciò che vuole o non credente, lo fa a casa propria. In tal modo togliamo il potere a tutti i manovratori di qualsiasi fede, che parlano ed ordinano in “nome di dio” e dovranno cercarsi un lavoro che l'interessato di certo gli troverà. Non avendo più seguaci e potere, dovranno alienare i luoghi d'incontro e così via. Mentre la voglia di vaneggiare a spese degli altri forse gli passerà.

Jean Rameu: Purtroppo l'ateismo è solo il cavallo di troia del satanismo, anch'esso pericolosissimo.

Salvatore Solaro: Hai fatto l'università per dire questa cretinata?

Jean Rameu: L'autodeterminazione dell'uomo senza un punto di riferimento superiore e caratterizzato dal bene supremo, lascia la società in balia dell’Homo omini lupus. Ormai esistono solo banche, mercati, multinazionali private e massoneria. Ti piace la cosa? Zero valori.


Salvatore Solaro: Perché il Dio creato dall'uomo ha fatto meglio? Non è forse per quel Dio che l'uomo ha fatto guerre? Non mi risulta che gli atei ne abbiano mai fatta una.

Salvatore, giornalista per caso



Questo e’ il blog personale di Salvo Mandarà, reporter per caso, creatore della web TV  Salvo5puntozero.tv. Qui puoi trovare alcune informazioni su di me, sul mio passato di cittadino impegnato nella politica attiva e sul mio desiderio di fare informazione, nato dentro di me fin dalla mia infanzia, ma venuto fuori in modo prepotente solo recentemente, nell’Ottobre 2012! Tutti mi conoscono per essere stato quell’uomo magro magro, tutto naso col giubbottone nero che ronzava intorno a Beppe Grillo, sui palchi di tutta Italia. Molti mi conoscono anche per aver dichiarato (28 maggio 2013) “l’Italia e’ un Paese di merda, me ne vado all’estero”. Per chi non ne ha abbastanza e vuole tutti i dettagli ecco i links agli articoli in cui spiego perché volevo andarmene e perché ci ho ripensato! Pochi invece, purtroppo, conoscono la storia di Salvo5puntozero. Eppure Salvo5.0 da Ottobre 2012 ad oggi, ha prodotto una discreta mole di informazione.

Orlando non è furioso, ma ad essere furiosi sono gli italiani


Testo di Lorenzo Giraldo



Palermitani coglioni! Avete votato un islamico. Già contavate poco, ora conterete ancora meno. Prima vengono i musulmani, poi venite voi, ultima ruota del carro.

Omicidi arcontici


Ci dev’essere una parte del cervello preposta all’elaborazione delle analogie. A me capita da qualche tempo di trovare analogie, di fare collegamenti tra fatti ed eventi, da cui poi traggo conclusioni e ipotesi. Un film che ho visto molti anni fa, con Mickey Rourke, ha qualcosa in comune con l’assalto al Bataclan dell’anno scorso e un omicidio avvenuto due giorni fa. Quello che hanno in comune è che ci sono uomini che vengono evirati. Nella “fiction” c’era di mezzo la magia nera, riti vudù e quant’altro, nell’attacco terroristico al Bataclan c’erano degli esaltati che non solo hanno mitragliato giovani che ballavano al primo piano, ma ad almeno un ragazzo, al secondo piano, sono stati tagliati i genitali e ficcati in bocca, esattamente come faceva Mickey Rourke nel film. La donna che invece ha prima accoltellato il marito e poi lo ha anche evirato, non sa spiegare perché lo ha fatto. Non sa spiegare nemmeno perché lo abbia ucciso. Stato confusionale, è l’espressione che si usa in questi casi.

venerdì 23 giugno 2017

Troppo comodo dar la colpa ai virus!


Fonte: Action web

Dopo innumerevoli tentativi – tuttora in corso – di farci credere che il cancro è un difetto genetico, un microbo errante o peggio ancora un virus, arriva, dagli stessi ambienti dell’establishment medico-scientifico, una notizia alquanto interessante. Una notizia che smentisce loro stessi. In Inghilterra, per l’esattezza all’Università di Manchester, un gruppo di ricercatori dopo una lunga ricerca che ha scandagliato e perlustrato migliaia di anni di storia, dalle mummie egiziane fino ad alcuni corpi del Sud America, hanno concluso che le patologie tumorali erano pressoché sconosciute dagli esseri umani dell’antichità. Lo studio, capeggiato dal professor Michael Zimmerman e dalla collega Rosalie David, è stato pubblicato nella rivista scientifica Nature Reviews Cancer. Zimmerman ha espressamente detto che “l’assenza di neoplasie in mummie deve essere interpretato come indicazione della loro rarità nell’antichità, indicando che i fattori che causano il cancro sono limitati alle società moderne industrializzate”. Hanno esaminato al microscopio innumerevoli reperti fossili di corpi mummificati, centinaia e centinaia di mummie egiziane, risultato: un solo caso di cancro confermato.

Internet è pieno di Fake, ma la tivù dice sempre la verità




Leggo il titolo, bimbo ucciso dal morbillo. Poi approfondisco la notizia e scopro che il povero piccolo aveva la leucemia ed essendo immunodepresso è morto per le complicanze del morbillo. Chi ha la leucemia muore per complicanze da influenza, raffreddore o qualsiasi altra infezione avendo un sistema immunitario compromesso. Il problema è semmai perché i fratelli col morbillo sono entrati in contatto col bimbo? Non che il bimbo non sarebbe morto se i fratelli fossero stati vaccinati, perché anche se i fratelli avessero avuto una comune influenza, avrebbero messo a repentaglio ugualmente la vita del piccolo. Che informazione faziosa e forviante!

Liste di prescrizione e minacce telefoniche


A un certo punto, quando Salvo Mandarà ha letto il messaggio minatorio di un certo Marco Marconi, mi è venuto in mente che quattro anni fa, e precisamente il 12 luglio del 2013, anch’io ho ricevuto prima alcuni SMS e poi anche una telefonata sul fisso, da parte di un anonimo dal marcato accento siciliano, segno che conosceva sia il mio cellulare che il telefono di casa. Durante questa telefonata l’anonimo disse che, quando meno me lo sarei aspettato, un furgone bianco mi avrebbe investito in bici, me e la mia cagnetta, che di solito viaggia sul cestino davanti, segno che sapeva anche come mi sposto abitualmente nella mia città, a Codroipo. Lo scambio di SMS, che trascrivo qui di seguito, lo allegai all’esposto presentato ai carabinieri, mentre le minacce telefoniche non potei far altro che riportarle a voce. Ecco lo scambio di SMS, partiti dal numero 373-7337776:


Un piccolo passo per l’uomo ma un grande passo per il Demonio






Fonte: Freeskies

 Vediamo un po’… nelle scuole del regno italiano, in ogni aula, è stato inserito un computer oppure una lavagna elettronica, collegata ad internet con il pernicioso sistema wi-fi. E’ statoinserito il registro elettronico per gestire il rapporto scuole/genitori per consentire a questi ultimi di controllare le frequenze e la didattica dei propri figli. Ora è stato approvato l’abominevole decreto sulle vaccinazioni forzate. Tutto ciò è il prologo per il marchio della bestia? Tutto ciò è propedeutico all’inserimento del microchip sottopelle a bioenergia Riflettiamo: un microchip che contenga le informazioni mediche e personali in modo da monitorare lo stato di salute e gli spostamenti dello scolaro. Sembra incredibile? Purtroppo l’uso del microchip in tessere scolastiche è già realtà in alcuni istituti statunitensi. Il passo per l’inserimento sottopelle è breve. Per questo sono state inventate le false stragi alle scuole? Per questo hanno cominciato ad imporne l’inserimento negli animali di compagnia?


Un quesito per l’anonimo della Terra Piatta


PREMESSA

Poiché è possibile che negli ultimi cinque secoli ci sia stata una cospirazione globale da parte del mondo accademico - e in particolare da parte di un gruppo massonico di adoratori del sole – volto a far credere al popolo che:

- la Terra, sferica, viaggi nello spazio attorno al sole, oltre a ruotare su se stessa;
- stelle e pianeti siano sferici anch’essi e si trovino a grandi distanze da noi;
- lo spazio è infinito e gli uomini sono solo una delle infinite razze esistenti nell’universo;
- l’umanità, per quest’ultima ragione, non ha tutta quella importanza che si era attribuita nei secoli precedenti, in quanto coronamento della Creazione;
- non esiste nessuna stazione orbitante, né tutti quei satelliti di cui si parla perché sopra la Terra, nella termosfera, ci sono 2.000 gradi centigradi, mentre nella mesosfera si scende sotto zero;


giovedì 22 giugno 2017

Sarà mica la volta buona?


Fonte: Leggo


 Un grande asteroide punta verso la terra e non si può fare nulla perché venga dirottato. Questo è quello che afferma lo studioso Alan Fitzsimmons che parla di un impatto catastrofico. Allo stato attuale pare siano circa 2 mila gli asteroidi che minacciano la Terra ma quello in questione sembra sia molto grande. Secondo quanto riporta il Sun, il dottor Fitzsimmons, della Queen's University di Belfast Astrophysics Research Center, ha fatto un confronto con l'asteroide che il 30 giugno del 1908 devastò buona parte della Siberia dicendo che in questo caso però gli effetti potrebbero essere apocalittici in base al luogo in cui andrebbe ad impattare. Non è ancora prevedibile quando potrebbe avvenire l'impatto, ma quello che sembra certo è che non potrà essere impedito o deviato. Gli effetti potrebbero essere catastrofici anche se non dovesse colpire zone abitate perché l'impatto potrebbe originare terremoti o tzunami dagli effetti ugualmente devastanti.

Ritratto del tipico antirazzista


Testo di Paolo Sensini


Breve analisi logica dell'antirazzista. Il fenotipo antirazzista esige che chiunque lo voglia possa entrare nel Paese privo di alcun documento che ne attesti l'identià e abbia "diritto" a essere collocato dallo Stato in hotel o strutture di accoglienza idonee, il tutto gentilmente offerto dal "solidale" portafoglio dei contribuenti. Dopodiché per l'antirazzista il "migrante" può tranquillamente riversarsi davanti a ogni esercizio commerciale e fare l'elemosina, o magari entrare immediatamente nei circuiti delinqueziali. Per lui è normale così, e chiunque si opponga a questa barbarie è ipsto facto razzista. In realtà, a rifletterci un attimo, i sedicenti antirazzisti sono proprio coloro i quali ti spiegano che i "migranti fanno il lavoro che gli italiani non accettano più di fare" o che "domani ci pagheranno le pensioni", quindi sono essi ad esplicitare un concetto tipicamente classista e razzista. In pratica, dunque, auspicano l'arrivo di sempre più immigrati allo scopo di sfruttarli come carne da macello. Alla fine della fiera i veri razzisti sono quelli che favoriscono un'invasione sempre più pronunciata, perché secondo loro chi farà i peggiori lavori della società saranno proprio i clandestini di oggi, imbarbarendo e avvelenando in tal modo sempre di più la società dove sono stati trapiantati. Se coloro che fanno simili discorsi fossero dei semplici incoscienti e irresponsabili li si potrebbe liquidare con una fugace alzata di spalle, il problema è che lo Stato e i mezzi d'informazione di massa sono cosa loro.

Per i migranti l’Italia non è il paradiso che si aspettavano


Fonte: Patrioti



Maxwell, l’occultista




Avanguardista, visionario, colto, ma anche ombroso, narcisista e freddo. Perfino disonesto, secondo alcuni. Jordan Maxwell è senza ombra di dubbio tra i personaggi più controversi dell'ambiente dell'occultismo. Quando David Icke indossava i calzoni corti e Peter Joseph era ancora in fasce, Jordan Maxwell già studiava astro-teologia e massimi sistemi, e denunciava le ingerenze occulte delle sette segrete. E' opera sua la coniazione della espressione 'Matrix' per definire un sistema orwelliano basato su invisibili meccanismi di controllo. Jordan Maxwell - al secolo Russell Pine - è un ricercatore indipendente di occultismo, teologia ed astro-teologia. Lo pseudonimo deriva da un nome citato in una opera della teosofa Helena Blatavsky, della quale si è sempre dichiarato estimatore. Dai citati Icke e Joseph, a Michael Tsarion e Ben Stewart, praticamente tutti gli occultisti famosi hanno tratto spunto dal lavoro svolto da Maxwell in oltre un quarantennio di attività. Le sue competenze spaziano dalle società segrete, alla semiotica, alle scienze e tecnologie antiche, alla ufologia, alla letteratura sacra.

Un comunista che ragiona da latifondista



Fonte: Il Giornale

Alessandro Gassmann dice addio a Twitter. Non ha retto le polemiche e le critiche ricevute sul tema dello ius soli. "Ok...lo faccio... ma va tutto bene, ci vediamo nel mondo": è il commiato dell'attore. Che in questi giorni si era dichiarato a favore della legge sulla cittadinanza. "In questi due giorni su Twitter ho dibattuto su immigrazione e ius soli sostenendo le mie ragioni. Ho resistito parecchio, sono stato insultato, minacciato, offeso, preso in giro in maniera violenta e continua, così anche la mia famiglia e le mie origini. Ho scoperto di essere più vulnerabile di quanto immaginassi, l'attacco che ho subito mi ha toccato". Ieri Gassmann ha avuto anche un battibecco con Giorgia Meloni sul tema rifugiati. "Ho già sentito la storia degli africani che servono nelle piantagioni. La tua umanità radical chic mi lascia senza parole", aveva tuonato il leader di Fratelli d'Italia in risposta all'attore che, in una conversazione con un altro utente, riferendosi alla presenza degli immigrati in Italia aveva provocatoriamente scritto: "Te piacciono i pomodori? Le verdure? Le fragole? Senza di loro scordateli".

Il Canada, trampolino di lancio del NWO

Namastè, interessati e attenti Lettori, penso che per chi è "dotato" di un Q.I. (=Quoziente Intelligenza) e sensibilità normali, il contenuto di questo attuale e sintetico post sia molto chiaro, visto che il TTIP, a causa di dinamiche diverse anche a livello globale, si è "arenato", ecco il loro Piano "B", il CETA che in effetti è l'esatta fotocopia del primo nefasto e disastroso per noi progetto commerciale. Buona Vita. SDEI


Fonte: Ununiverso

Che cos’è il CETA? La volpe che viene nominata custode del pollaio. Se la rete, la gente, in due giorni, non riesce a fermare il senato, giovedì prossimo 22.6.17, i senatori approvano il CETA e diventiamo tutti, per legge, schiavi delle multinazionali. Perché è tremendo il CETA? Perché è un mostruoso, fraudolento accordo con il Canada, che:

-uno, diventa subito planetario mediante il trucco di spostare in Canada le sedi legali di tutte le multinazionali;

-due, è pieno come al solito di una miriade di contorte, imperscrutabili ‘belle’ parole (1.600 pagine) usabili come si vuole;

-tre, è fintamente solo commerciale, perché lascia invece al più totale ed incontrollabile arbitrio della cupola massonico/bancario/deviata ogni singolo aspetto morale, giuridico, economico, sentimentale, fiscale, religioso, sessuale, razziale, culturale, sanitario, bancario ecc, della vita dell’intera umanità.


Il Diavolo odia la famiglia unita


L’esorcista  padre César Truqui avverte che c’è un demone specializzato nell’attacco alla famiglia  “C’è un demone che è specializzato nella distruzione e nella divisione della famiglia “, ha detto l’esorcista César Truqui in un corso di esorcismo tenutosi a Roma di recente. E ha ribadito alla rivista settimanale italiana Tempi che: ” C’è un demone che è specializzato per  attaccare la famiglia. Questi è citato anche nel libro biblico di Tobia ed è chiamato col nome di  Asmodeus”. Per il libro del Vecchio Testamento è noto per essere il demone che ha ucciso i sette mariti di Sara ed è stato incatenato nel deserto dall’Arcangelo Raffaele. E in effetti  padre Truqui conferma che questo demone ”è presente in molti esorcismi“.   Il sacerdote ha ricordato gli incontri con il diavolo ”in esorcismi di Padre Gabriele Amorth con Padre Francesco Bamonte  che  lo aiutava”. Padre Amorth,  dal 1990, è l’esorcista più stimato e di esperienza:  ha praticato circa 70.000 esorcismi nel corso della sua vita. Racconta: ” Mi ricordo di una giovane coppia, molto vicina al matrimonio che a causa di un maleficio ha dovuto sostenere alcuni esorcismi per essere liberati da presenze maligne. Durante l’esorcismo, “il diavolo era furioso e ha minacciato  don Amorth perché voleva impedire che il matrimonio si facesse, minacciando di uccidere l’uomo per distruggere quella unione. Ovviamente era la minaccia di un bugiardo, perché, in realtà, il fatto non si è verificato.”

mercoledì 21 giugno 2017

La cosa positiva è che non scoppierebbe la terza guerra mondiale



Una  nuova teoria suggerisce che Obama avrebbe avvertito Putin di un possibile attacco extraterrestre che dovrebbe accadere entro la fine del 2017. La teoria che è diventata virale attraverso un video di YouTube pubblicato alla fine del 2016, indica che sarebbe trapelata una notizia proveniente da un documento del Cremlino di Mosca, in cui ci sarebbero tutti i dettagli di un possibile attacco alieno. La notizia sarebbe molto riservata e quindi come detto sopra, trapelata dopo una riunione di alto livello tra Vladimir Putin e Joe Biden (il vice presidente dell’ex Presidente Obama). Nel video il narratore dice Joe Biden ha dato a Putin un messaggio di Obama dove chiede una cooperazione russa per formare un sistema globale di difesa per proteggere la Terra da un attacco alieno imminente che potrebbe avvenire durante gli ultimi mesi del 2017.


Stiamo diventando tutti razzisti, nostro malgrado


Testo di Aurora Malandra

Sono emigrata in UK nel marzo 2014 e, pochi mesi dopo, mi ha raggiunta il mio attuale marito. In Italia avevamo mamma e papà, casa e soldi assicurati da loro, lavori a cottimo e tante tasse da pagare. Quindi, siamo emigrati. Non tanto per fare chissà quali soldi, quanto per costruirci una famiglia nostra. Abbiamo cominciato a vivere a Londra, per poi spostarci fuori, dove gli affitti sono più bassi e le case più grandi. Mia figlia è nata a Londra. Il passaporto lo abbiamo fatto e lo rinnoveremo al Consolato Italiano. Lei non è cittadina inglese di diritto. Quindi, il primo motivo di incazzatura è: perché mai un bambino nato su suolo italiano da genitori non italiani, e per di più non europei, dovrebbe avere il diritto di cittadinanza assicurato? Secondo punto: la scuola. Qui esistono scuole laiche e multietniche dove i pasti carnivori devono essere di carne halal, perché altrimenti i musulmani non mangiano. Sapete che vi dico? Che mia figlia, e l'eventuale fratello/sorella che verrà, io li mando alla scuola cattolica, dove la carne è British e controllata e certificata a livello europeo. Ovviamente, la scuola cattolica prende anche i non cattolici, anche se proprio in ultima istanza (se restano posti disponibili), se accettano le regole cattoliche. Allora: perché in Italia, invece di tutte 'ste polemiche sul crocifisso e la mortadella, chi di dovere non si fa camminare il cervello e diversifica le scuole? Si vogliono ghettizzare? Lo facessero e non rompessero le palle!


Siamo oggettivamente incompatibili


Testo di Enrico Masala


Ius soli: i figli di mussulmani, come noto, hanno una cultura da mussulmani, incompatibile con la nostra. Noi beviamo il vino, lo produciamo, siamo tra i principali produttori al mondo, per loro è vietato! Noi mangiamo carne di maiale, per loro è vietata (anche di questa siamo produttori). Noi rispettiamo le donne (ci sono ovviamente pazzi, assasssini etc....). Rispettiamo le donne, accettiamo che - avendo il cervello - si vestano come vogliono: se hanno la minigonna sappiamo che non abbiamo il diritto di saltargli addosso. Abbiamo una moglie (che già non è poco), e sappiamo che è reato averne più di una. Le figlie si vestono come vogliono, almeno dopo i diciotto ma, se vogliono vestirsi secondo i loro gusti, non abbiamo l'abitudine di rovinarle a schiaffi. Quando vediamo il crocifisso ci commuoviamo, anche se siamo laici: è sempre la vicenda di un ragazzo di trent'anni che ci rappresenta, vittima innocente della stupidaggine umana. Per loro non riesco neanche a dirlo. SIAMO INCOMPATIBILI! Ognuno a casa sua, aiutiamoli a casa loro o, tutt'al più, rimangano il tempo necessario e poi via, go back!

Gli africani si massacrano fra loro ma la colpa è sempre dei bianchi



Un genocidio è in corso, più di 6 milioni di persone (la metà sono bambini sotto i 5 anni), sono stati massacrati tra l’indifferenza generale e con il sostegno degli Stati Uniti e dell’Europa! Centinaia di migliaia di donne e bambine sono state violentate e mutilate dagli eserciti occupanti. E tutto questo per un motivo principale: per cogliere la ricchezza eccezionale di minerali che detiene il sottosuolo del paese. Conosciamo il metodo, si amplificano alcune notizie e se ne nascondono altre orribili. Si parla molto della crisi dei migranti e del Medio Oriente in questo momento, con la lotta al terrorismo. Nel frattempo nascondono deliberatamente ciò che sta accadendo in Congo, però, circolano immagini utili anche a spostare l’attenzione delle anime buone, piangere per la sorte dei migranti, poveri rifugiati, dovrebbero tenere qualche lacrima per un genocidio in corso, di cui non parleranno nei vostri media preferiti, che così assumono lamenti selettivi.

Il suicidio dell’Occidente


Testo di Paolo Sensini


Pensate al paradosso: dal settembre 2001 l'Occidente a trazione statunitense ha lanciato una specie di Guerra Santa contro il terrorismo "islamico", ma da quel momento organizzazioni come al-Qa'ida & affini sono andate in metastasi e i tagliagole jihadisti hanno dilagato nel Vicino-Medio Oriente, Africa ed Europa. Un capolavoro di strategia militare e politica, non c'è che dire. Inizi una battaglia per stroncare il tuo supposto nemico "esistenziale" e alla fine non fai altro che disseminarlo capillarmente su scala planetaria. Incapacità assoluta o dolo? Noi un'idea precisa ce l'abbiamo, ma comunque la si pensi il risultato è una débâcle totale. Non solo: i più strenui sostenitori e finanziatori dei cannibali sono anche i massimi alleati degli Stati Uniti nell'area, con Arabia Saudita, Emirati, Qatar, Turchia e Israele a tirare le fila di tutto. Se non è questo il suicidio dell'Occidente, che altro può essere?

martedì 20 giugno 2017

Un aspetto della millenaria Matrix ingannevole


Nicola Tesla diceva che la scienza stava sostituendo l’osservazione con i calcoli matematici. Se questa affermazione era vera ai suoi tempi, è vera anche oggi, a maggior ragione, visto che tale tendenza non ha mai avuto un’inversione di rotta. Di modo che, l’esperienza sensoriale che noi abbiamo riguardo alla forma della terra, va incontro a una dissonanza cognitiva nel momento in cui la casta degli scienziati ci fornisce una versione del tutto diversa da ciò che vedono i nostri occhi. Storicamente e socialmente parlando è così da sempre: noi siamo il “volgo” ignorante e loro, una minoranza di sapienti, sono i detentori della verità. Se osiamo contrastare le loro affermazioni ci chiudono la bocca dicendo che noi, volgo, non siamo laureati e non possiamo essere loro pari. Ci chiedono di accettare supinamente la loro versione e, con il 99,9 % della popolazione mondiale, ci riescono. Ma io e i lettori di questo blog siamo Bastian Contrari e amiamo mettere tutto in discussione, specie ciò che ci viene calato dall’alto della torre d’avorio della scienza infusa. Ecco perché, dopo aver visto questo filmato, tutto ciò che posso dire è che la teoria della Terra Piatta è…..verosimile. La sfericità della Terra potrebbe essere uno dei tanti inganni di cui siamo stati vittime, anche se al momento non riesco a capirne lo scopo. Ovvero, “cui prodest?”.


Il 1984 è già qui




Il mio nome è finito nell'elenco dell'Osservatorio sull'Antisemitismo in quanto sarei "complottista". Sarei inoltre antisemita a causa di "False Flag" (non se ne capisce il motivo). E' evidente che è in atto ed è sempre più violenta una campagna denigratoria e censoria volta a denigrare, censurare, distruggere, piegare chiunque non si allinei con il pensiero unico, il politicamente corretto e soprattutto il potere. Io non ho mai parlato di "ebrei", semmai ho parlato di personaggi come Soros, o dinastie come i Rothschild non in quanto ebrei ma in quanto addentro a certe dinamiche di potere. Se parlo di Soros non è perché ebreo, ma in quanto speculatore finanziario. Se non concordo con alcune politiche di Israele ciò non avviene in virtù di qualche mio spirito antisemita o perché io sia fascista, che tra l'altro, a differenza di personaggi ben più famosi di me, non sono. 

Maledetti bolscevichi!


Se non l'avete ancora capito, quello che sta avvenendo è un attacco senza precedenti alla società moderna. Quello che si prefiggeva il partito comunista fin dall'alba dei tempi: la distruzione della famiglia, il meticciato dei popoli, la distruzione della Chiesa romana, la dissoluzione dello stato. Mettiamo fine una volta per tutte al comunismo, cancro dell’umanità!

Insultare o non insultare, questo è il problema!


Questo video, di un autore a me sconosciuto, capita a fagiolo e devo ringraziare l’utente Elyah per avermelo segnalato. Un giovane fruttariano che ha dubbi sulla forma della terra, ma nessuna certezza, spiega che è sempre sbagliato insultare, sia che si tratti di singoli o di masse. Mi chiedo se insultare coloro che votano Partito Democratico, con l’epiteto “pidioti”, rientri nella classifica. Personalmente, come mi sono già espresso, penso che le cose debbano essere chiamate con il loro nome e quindi gli elettori del PD debbano essere definiti stolti a tutti gli effetti, ma se non insultarli può servire a farli rinsavire, allora anch’io cambierò idea e non li insulterò più, tenuto conto che quando li frequento nella vita reale già ora li considero amici, non foss’altro perché anch’io da giovane ero di Sinistra. A quell’epoca però aveva un senso. Tornando al nostro autore, bisognerà che ciascuno di noi provi la veridicità delle sue parole: diventare fruttariani significa raggiungere il massimo del benessere fisico e psichico (anche se poi ci pensano gli altri ad intaccare quest’ultimo). Significa anche guarire dalle malattie. E scusate se è poco!


lunedì 19 giugno 2017

Che pizza, la Terra piatta!


Ho trovato il tempo di vederlo! Ma poi ho voluto strafare e mi sono visto pure un’altra oretta in cui Alessandro Barbero parla della Terra Piatta. La conclusione a cui sono giunto è che la Società della Terra Piatta, fondata nel 1885 su iniziativa di William Carpenter, è uno dei rigurgiti di Medioevo scaturiti dalla….”gente grossa”, per usare un’espressione di italiano antico. Solo la gente ignorante, cioè grossolana, può credere che la Terra sia piatta e solo i cristiani più beceri possono sottoscrivere una tale teoria, rifacendosi ai salmi biblici o al profeta Isaia. Io preferisco dar credito a Plinio il Vecchio e a sant’Agostino, insieme a tutti i saggi dell’antichità, e rimanere del parere che la Terra sia una sfera. Va bene essere studiosi di complotti, va bene dubitare di tutto, ma senza esagerare. Se è stata messa in circolazione l’antica superstizione della Terra Piatta è perché si vuole gettare discredito sui complottisti, dato che alla fine del filmato si tirano in ballo temi esoterici e si fornisce un’interpretazione dietrologica inaccettabile. Il vero scopo è creare confusione. Una teoria Troll, in definitiva.

  

Il metodo sionista del suscitare sensi di colpa




Ci dicono che gli attacchi terroristici da parte di musulmani su suolo europeo (soprattutto francese) sono la rappresaglia a seguito di un eccesso di politiche coloniali su suolo africano.  I terroristi islamici attaccano un resort in Mali e la Botteri ci dice che la colpa è di Trump che non manda abbastanza soldati come richiesto da Macron per difendere la linea del "Piave".  Riassumendo: I vari Macron accoglioni e buonisti sostenuti dalla maggioranza dei media ci dicono che per sconfiggere il terrore in Europa serve più integrazione, accoglienza e cospargerci il capo di ceneri a causa di nostre passate malefatte, mentre allo stesso tempo sono a favore di interventi militari armati in puro stile coloniale atti a fermare l'avanzata del terrorismo islamico nei paesi subsahariani.  Ma secondo voi 'sti "maitre à penser" si drogano?  No, la verità è che in Mali ci sono miniere di Uranio, e Oro e ricchissimi giacimenti di Petrolio e perdere il controllo del Paese non è contemplabile, per contro qualche decina o centinaio di morti in Europa sono un piccolo danno collaterale al ricchissimo mercato di esseri umani che solo in Italia, ad oggi, vale molti miliardi di euro anno. 

Le donne arabe non stanno mai zitte



I “cacciatori di bufale” ci hanno stufato. Sempre alla ricerca di un quarto d’ora di celebrità alla caccia di balle vere o presunte, tutte rigorosamente dell’area del politicamente scorretto. Ce ne fosse uno di costoro che si sia scomodato per la legge russa per cui «è legale picchiare la moglie» o sulla storiella delle «dimissioni in massa anti-Trump». Quelle di bufale sono passate sui grandi giornaloni e in TV. Invece sulla presunta bufala della battoulah si è scomodata perfino RaiTre. Perdendo un’occasione per tacere. Sì, perché dobbiamo ribadire il cuore dell’articolo che ci hanno contestato in massa. La battoulah non è affatto un “gioiello”. Abbiamo già detto che anche un bracciale d’oro, se ci attacchi un lucchetto e una catena, diventa una manetta. E ribadiamo che della battoulah esistono anche le versioni con serratura. Ma anche senza di questo, è il suo significato oltre che materiale soprattutto metaforico che lo rende niente più che un velo integrale in metallo o in cuoio: è un indumento che serve a coprire le labbra, per imporre verecondia alla donna, perché la bocca – come i capelli e la scollatura – è uno «strumento di seduzione», è sensuale, è provocante per certi uomini in cerca di giustificazione alla loro incapacità di controllare le pulsioni animalesche.


I pidioti dovrebbero attivare i neuroni




Un tizio si cancellato dalle mie amicizie per il post sullo Ius Soli. Ha scritto: “No a te, sì allo Ius Soli”. Chissà se ha fatto in tempo a capire che della sua opinione non me ne è mai importato nulla. L'idiota sinistrato non ha capito una cosa: se l’Italia adottasse lo “ius soli” spalancherebbe ancora di più la porta d’ingresso a una ondata migratoria incontrollabile (più di ora) dall’Africa e da tutti i Paesi dell'area asiatica e indoeuropea, cosa che in questo momento non ci possiamo permettere. Non abbiamo risorse e lavoro per noi, figuriamoci per loro. I pidioti stanno accelerando su questa legge solo per i loro sporchi fini politici, idem la Chiesa. Non siamo gli USA, dove lo Ius Soli è automatico per tutti i cittadini che nascono sul suolo americano, loro hanno dimensioni e necessità diverse dalle nostre (ma poi come mai hanno costruito un muro ai confini del Messico?) perché non possono più cambiare la costituzione, e cercano di arginare i nuovi arrivi come possono. Solo il Texas è grande tre volte l'Italia, tanto per intenderci. Anche in altri Paesi europei ci vanno cauti. Noi abbiamo lo “ius sanguinis” che va benissimo. Quindi, prima di fare i buonisti e le persone civili, attivate i neuroni, non costa nulla informarsi e capire. Noi "contrari" non siamo razzisti o bestie incivili, ma persone di buon senso. Siete voi ad avere dei problemi, e anche seri. L'Italia non può permettersi di raccattare tutti, chiaro? Non abbiamo bisogno di altra mano d'opera a basso costo per far crescere la nostra economia, abbiamo bisogno solo di uno Stato che tuteli e rispetti di più i veri cittadini italiani.

Predicano bene e razzolano male




Buongiorno, ascolto parole, dal papa, da rappresentanti politici vari, da opinionisti e parlatori a vario titolo, dicono che occorre accogliere tutti, qualsiasi cosa dicano o pensino, da dovunque vengano e qualsiasi cosa facciano, dicano o professino, predicano che non bisogna bloccare nessuno ma bisogna costruire ponti e dialoghi, anche con chi ci vorrebbe far saltare, poi leggo di giornalisti imbavagliati, censurati, cacciati per aver espresso la loro opinione, il loro pensiero o il loro sentire, e che liberi cittadini vengono sanzionati e "bloccati",  cioè vien tirato su un muro che vieta loro di comunicare ed esercitare il loro diritto di espressione, come la Costituzione italiana prevede. Qualcosa stride, non torna, tra quello che viene predicato dai pulpiti e quel che viene applicato ai cittadini italiani. Fate le vostre considerazioni  personali, la libertà di pensiero e di espressione prevista dall'art. 21 della Costituzione Italiana è ancora permessa oggi in Italia?!

Il paese più strano del mondo




L'Italia è davvero uno strano Paese: ogni anno spedisce a Londra migliaia giovani laureati per fare i lavapiatti e mantiene i clandestini a vivere in albergo. E' un Paese che lascia i propri concittadini colpiti dalla tragedia del terremoto a dormire nei container, ma ospita i profughi in centri di accoglienza come quello di Villa Camerata, che ho visitato lo scorso settembre: una villa rinascimentale immersa nel verde a due passi dal centro storico di Firenze. A Rapallo gli immigrati dimorano presso l'Istituto delle Orsoline, una struttura residenziale di lusso, e hanno a disposizione: spiaggia privata, campetto da calcio, palestra, wi-fi e il pocket money per affrontare le spese di tutti i giorni. Poi il Governo non trova i soldi per sistemare gli esodati, lasciati senza lavoro e senza pensione.

domenica 18 giugno 2017

L'inganno dei migranti pagatori di pensioni





La maggior parte degli extracomunitari è musulmana.  La donna musulmana in genere non lavora. Quindi, ammesso che il marito lavori e che solitamente hanno 3-4 figli le detrazioni irpef superano l'irpef da pagare.  Traduzione: assegni familiari altissimi, ISEE bassissimo, casa popolare praticamente garantita, esenzione di: asilo nido (ci mandano i figli anche se non lavorano portando via il posto a chi ne avrebbe veramente bisogno), mensa tasse scolastiche e universitarie; contributi, sussidi, agevolazioni in ogni possibile graduatoria. Ecco perché riescono a lavorare per pochi euro all'ora. E questi sono quelli residenti, " integrati". CI PAGHERANNO LE PENSIONI!

La storia c’insegna che l’integrazione è un'utopia




Il governo Gentiloni, sempre più agli sgoccioli, ha pensato bene di giocarsi la carta dello “ius soli” per cercare di raccogliere nuovi consensi elettorali. Gentiloni sta completando il percorso iniziato dai governi Monti, Letta e Renzi. Il centrosinistra formato web, esulta, dimenticando quanto scritto sul Corriere della Sera, nel giugno del 2013, dal politologo Giovanni Sartori, uno dei suoi riferimenti. Nel pezzo intitolato “L’Italia non è una nazione meticcia. Ecco perché lo ius soli non funziona”, si legge che “la sinistra, avendo perso la sua ideologia, ha sposato la causa (ritenuta illuminata e progressista) delle porte aperte a tutti, anche le porte dei Paesi sovrappopolati e afflitti, per di più, da una altissima disoccupazione giovanile. Per ora i nostri troppi e inutili laureati sopravvivono perché abbiamo ancora famiglie allargate (non famiglie nucleari) che riescono a mantenerli”.